Tumori: l’UE rivede le indicazioni per gli screening e attua nuovi progetti per la prevenzione

La Commissione Europea rivede le indicazioni per gli screening e investirà in nuovi programmi di prevenzione. Ecco le novità.

Finalmente l’UE si è accorta che a causa del Covid molte altre malattie sono state lasciate indietro. Da ora in avanti verranno incentivati gli screening e ci sarà maggiore attenzione nel monitoraggio di vari tipi di tumore.

indicazioni per gli screening
Canva

Le nuove raccomandazioni puntano su un incremento degli screening al fine di riequilibrare le mancanze dovute all’emergenza Covid. L’obiettivo è altresì quello di “raggiungere il 90% per il 2025 di screening del cancro a mammella, colon-retto e cervicale su quanti previsti dal Piano europeo contro il cancro“, come riportato in un articolo ANSA dopo le dichiarazioni della Commissione Europea.

Non solo, la volontà è anche quella di aumentare gli screening e ampliare la prevenzione ad altri tipi di tumore. Come ad esempio quelli alla Prostata, Polmoni e Stomaco. Ecco le dichiarazioni della Commissione Europea e cosa cambierà nel concreto dopo questo nuovo programma di prevenzione.

L’UE rivede le indicazioni per gli screening e attua nuovi progetti, cosa cambia

Come leggiamo su ANSA sezione Europa, “Nel 2020, a circa 2,7 milioni di persone che vivono nell’Ue è stato diagnosticato un cancro e a oltre 1,3 milioni di persone hanno perso la vita“. Lo ha affermato la commissaria Ue per la Salute, Stella Kyriakides.

È noto che la diagnosi precoce salva milioni di vite umane e migliora su tutti i livelli e in tutto il mondo la qualità della vita. Ad oggi esistono già piani a livello Europeo per la prevenzione di alcuni tumori, ma questi verranno ampliati e migliorati.

Ricordiamo, tra le altre cose, che ultimamente è partita la campagna divulgativa sul tumore testa-collo. La volontà è quella di sensibilizzare i cittadini in modo che possano riconoscere tempestivamente i sintomi. E nel comparto medico, far accedere alle terapie più idonee.

Nello specifico ad esempio, aumenterà la raccomandazione per screening per il tumore al seno già a partire dai 45 anni e fino ai 74. Invece che dai 50 ai 69 come adesso. Saranno implementati anche gli screening contro il Papilloma Virus, e saranno eseguiti su soggetti dai 30 ai 65 anni.

Sono previsti altresì test per il cancro del colon-retto soprattutto nella fascia d’età 50-74 anni, e per rilevare i tumori ai polmoni. Ciò soprattutto nei confronti dei fumatori o ex fumatori che hanno tra i 50 e i 75 anni. L’UE prevede, per gli uomini fino a 70 anni, anche il test dell’antigene prostatico. Maggiore attenzione anche verso gli screening sull’Helicobacter pylori.

Dietro la decisione della UE vi è certamente la preoccupazione per la salute dei cittadini dei Paesi membri ma anche la volontà di “colmare il divario creato dall’impatto del COVID-19 sulla diagnosi e sulla cura del cancro” come afferma sempre la Commissaria Kyriakides.

Si tratta certamente di un passo in avanti che porterà la UE e gli Stati aderenti a dare un servizio più concreto a favore della salute dei cittadini.