Assegno di 900 euro in arrivo per questa categoria: è un’occasione unica

Nelle prossime settimane alcuni cittadini riceveranno un Assegno di 900 euro. A chi è rivolta e come richiederla?

Il Ministero della Difesa ha sbloccato i fondi per l’accompagnatore militare, un assegno del valore di 900 euro, riservato agli invalidi titolari di pensione di guerra o di servizio.

assegno 900 euro
Foto Canva

Negli scorsi giorni, il Ministero della Difesa ha finalmente pubblicato il Decreto che permette l’erogazione dei fondi del cd. accompagnatore militare. Una determinata categoria di beneficiari, dunque, potrà ricevere fino a 900 euro al mese.

Il Ministero, inoltre, ha reso noto il numero dei grandi invalidi affetti da infermità, a cui spetta l’Assegno sociale all’accompagnatore militare. Attualmente, ne hanno diritto 213 individui, per un totale annuo di 2.300,400 euro.

Analizziamo, dunque, la disciplina, per scoprire chi può beneficiare dell’Assegno e come presentare domanda.

Se ti interessa l’argomento, non perdere: “Inabilità al lavoro: spetta anche ai lavoratori delle Forze dell’Ordine affetti da questa malattia invalidante“.

Assegno di 900 euro: tutti i requisiti per ottenerlo

Il 29 agosto 2022 il Ministero della Difesa ha pubblicato il Decreto del 14 luglio 2022, nel quale sono indicati i beneficiari e i fondi a disposizione per l’erogazione dell’Assegno di 900 euro, ai grandi invalidi di guerra e del servizio.

La misura prende il nome di accompagnatore militare ed è rivolta ai titolari di pensioni di guerra o di servizio, colpiti da specifiche forme di invalidità. Tali soggetti hanno diritto ad un importo mensile di 900 euro, per 12 mensilità.

Coloro che, invece, sono affetti da invalidità meno gravi, ricevono un Assegno di valore ridotto, pari alla metà. I versamenti vengono effettuati in base ad un preciso ordine, seguendo le indicazioni della Tabella E, allegata al Testo Unico in materia di pensioni di guerra (il DPR 915/1978). È possibile consultare e scaricare tale documentazione dal sito ufficiale del Ministero della Difesa.

I primi a ricevere l’accompagnatore militare sono i grandi invalidi, affetti dalle infermità indicate:

  • alla lettera A) numeri 1) e 2) della Tabella E;
  • alla lettera A­ bis numeri 1), 2) e 3) del suddetto documento.

Poi, la liquidazione è predisposta nei confronti di tutti gli altri beneficiari, in base all’ordine di presentazione delle domande.

Per ulteriori approfondimenti, consulta: “Forze dell’Ordine, slitta l’età pensionabile: le ipotesi spaventano il personale“.

Chi ha diritto all’Assegno?

Seguendo l’ordine dalla Tabella del Ministero, i soggetti che hanno diritto all’erogazione della misura su domanda sono quelli che presentano le invalidità previste:

  • dalla lettera A), numeri 1 e 2;
  • dalla lettera B) numero 1;
  • dalla lettera C);
  • dalla lettera D);
  • dalla lettera E), numero 1.

Hanno, dunque, diritto all’Assegno di 900 euro:

  • i grandi invalidi, che hanno richiesto, almeno una volta, il servizio di accompagnamento, durante il triennio antecedente al 15 gennaio 2003;
  • coloro che, in seguito all’entrata in vigore della Legge n. 288 del 2022, hanno presentato domanda per il servizio di accompagnamento, ma non lo hanno ottenuto. Oppure, coloro che hanno richiesto l’Assegno sostitutivo all’Ufficio dell’economia e delle finanze competente.

Accompagnatore militare: in che modo viene erogato

L’assegno accompagnatore militare viene pagato, a domanda degli interessati, a partire dal 1° gennaio 2022 e fino al 31 dicembre 2022. In alternativa, l’erogazione avviene dal primo giorno del mese successivo alla data di presentazione della domanda, se si tratta di soggetti che hanno presentato istanza per la prima volta.

I grandi invalidi di guerra e di servizio hanno diritto ad un Assegno di 900 euro. Gli invalidi meno gravi, invece, riscuoteranno l’Assegno ridotto del 50%, quindi di 450 euro.

Il pagamento dell’importo è effettuato dalle amministrazioni e dagli enti che versano la pensione, sulla base di comunicazione autorizzata da parte dell’Ufficio 7 della Direzione dei Servizi del Tesoro del Ministero dell’economia e delle finanze.

L’Ufficio 7, infine, è addetto al rimborso alle amministrazioni e agli enti erogatori.

Come si presenta domanda per l’Assegno di 900 euro

Il Ministero della Difesa ha comunicato che le richieste per accompagnatore militare presentate a partire dal 2013 sono valide per il versamento degli Assegni sostitutivi per l’anno 2022. Se non si è ancora provveduto alla presentazione della domanda di accompagnatore militare, c’è tempo fino al 31 dicembre 2022.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’istanza deve essere inoltrata, sia tramite posta elettronica sia tramite raccomandata Andata/ Ritorno, al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento dell’amministrazione generale, del personale e dei servizi – Direzione dei servizi del tesoro – Ufficio 7. È necessario indicare con esattezza le infermità che si possiedono.