Pignoramento stipendio o pensione: può avvenire più di una volta? La risposta lascia senza parole

Il pignoramento sullo stipendio o la pensione, in alcuni casi, è purtroppo inevitabile. Ma quante volte può essere effettuato?

Il pignoramento può avere ad oggetto non solo conti correnti, beni mobili ed immobili e autovetture, ma anche lo stipendio o la pensione.

pignoramento
Adobe Stock

Può esserci, tuttavia, più di un pignoramento sullo stipendio o sulla pensione? Purtroppo, si tratta di una condizione nella quale si trovano parecchi debitori inadempienti. Se, infatti, il destinatario di un prestito o un mutuo paga in ritardo o, addirittura, non paga, può incorrere in questo “inconveniente”.

Nella maggior parte dei casi, si procede prima in via extra- giudiziale e si tenta di sistemare la faccenda. Qualora questa soluzione non portasse ad un esito soddisfacente, allora il creditore può decidere di far emettere un decreto ingiuntivo, cioè un titolo esecutivo da parte del tribunale, con il quale si intima il debitore ad pagare, entro un determinato lasso di tempo.

Il creditore, quindi, attraverso il processo esecutivo, può pretendere l’adempimento da parte del debitore insolvente e, tramite l’istituto del pignoramento, può soddisfare la sua pretesa.

Vediamo, dunque, come funziona tale istituto ed in che modo può aggredire lo stipendio o la pensione.

Leggi anche: “Pignoramento: cosa fare per ridurlo, se si hanno debiti? È fondamentale saperlo“.

Pignoramento: quando può essere disposto?

Poiché il pignoramento comporta delle conseguenze molto gravi, è necessario conoscerne gli aspetti principali ed imparare a difendersi da eventuali soprusi. Innanzitutto è bene sottolineare che necessita dell’emanazione di un precetto da parte del giudice. Di conseguenza, nessun altro è autorizzato a pretendere con mezzi coercitivi l’adempimento del debitore, neanche le società di recupero crediti.

Attenzione, quindi, se si ricevono minacce o intimidazioni da parte di tali società, perché la legge mette a disposizione del soccombente degli strumenti di tutela.

Leggi anche: “Pignoramento: dal 22 giugno i conti correnti dei debitori saranno “salvi” se effettuano queste operazioni“.

Pignoramento dello stipendio o della pensione: è possibile?

Il pignoramento può avere ad oggetto numerosi beni, sia mobili (come gioielli ed oggetti di valore) sia immobili, ma non solo. Può riguardare, infatti, anche conti correnti, stipendi e pensioni.

Quindi, nel caso in cui il debitore sia insolvente, verrà emesso un decreto ingiuntivo ed un precetto e, se dovesse continuare ad essere tale, si procederà con il pignoramento dei suoi beni, da parte degli ufficiali giudiziari.

Il pignoramento è previsto dal Primo Capo del Titolo II del Libro III del codice di procedura civile. Come prevedono gli articoli del codice, non tutti i beni possono essere oggetto di pignoramento. I seguenti averi, infatti, sono impignorabili:

  • gli oggetti sacri e di culto;
  • la fede nuziale;
  • la biancheria e gli oggetti da arredo essenziali, come: armadi, tavoli, sedie, frigo ed elettrodomestici;
  • i generi alimentari;
  • le armi;
  • le decorazioni al valore, lettere, registri e scritti di famiglia;
  • gli animali da compagnia;
  • gli strumenti necessari al debitore per svolgere un’attività lavorativa o un mestiere e che sono fondamentali per la sua sussistenza.

Il minimo vitale: che cos’è?

Il pignoramento, dunque, può riguardare anche la pensione o lo stipendio. In queste ipotesi, tuttavia, la legge fornisce una serie di tutele per il debitore pensionato o lavoratore; esiste, infatti, un minimo vitale che non può essere pignorato in alcun caso. La cifra varia annualmente, in base all’andamento dell’inflazione. Per il 2022, quella relativa alla pensione corrisponde a 690,42 euro.

Per quanto riguarda lo stipendio, invece, la legge non prevede il minimo vitale impignorabile ma altre tipologie di garanzie, per la decorosa sopravvivenza del lavoratore. C’è, dunque, un limite proporzionale: la quota massima pignorabile, cioè, è di un quinto dello stipendio netto. Per esempio, se la paga è di 1000 euro, l’importo massimo da poter pignorare è di 200 euro.

Il risvolto negativo di questo metodo di calcolo, però, consiste nel fatto che è consentita l’aggressione allo stipendio del debitore nella misura di un quinto anche quando il suo ammontare è molto esiguo.

È possibile pignorare più volte lo stipendio o la pensione?

I limiti al pignoramento dello stipendio e della pensione esistono perché la Carta Costituzionale garantisce il diritto, per tutti, di vivere una vita dignitosa.

Nel caso in cui ci siano più creditori che intendono iniziare un pignoramento sullo stesso stipendio, la legge impone il rispetto di alcune regole. In particolare:

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
  • se le origini del debito sono diverse, allora è possibile pignorare più volte lo stesso stipendio. È necessario, tuttavia, garantire la tutela del debitore e, dunque, il 50% dello stipendio sarà necessariamente inviolabile;
  • se, invece, le cause del debito sono le stesse, non possono esserci più pignoramenti contemporaneamente, ma bisogna dar luogo al cd. accodo. Nello specifico, il secondo creditore potrà aggredire lo stipendio per azzerare il debito, solo dopo che il primo sarà totalmente soddisfatto.

In definitiva, è consentito più di un pignoramento sullo stipendio o sulla pensione.