Cosa bisogna fare per lavorare con persone affette da disabilità e Legge 104? La guida di cui non sapevi di aver bisogno

Per lavorare nel campo della disabilità bisogna possedere alcune conoscenze e competenze che non solo alla portata di tutti.

Decidere di lavorare con persone disabili è sicuramente una di quelle scelte che cambia completamente la propria vita, oltre quella degli altri.

disabilità
Adobe Stock

Per fortuna esistono persone che si prendono cura di chi è affetto da disabilità. Tali persone, quando scelgono di intraprendere questa carriera, sono consapevoli di aver preso una decisione importante. Chi decide di intraprendere un simile percorso sa che alla base di tutto deve esserci un forte senso di abnegazione. Per non parlare, poi, di una pazienza superiore alla norma e di una capacità di ascoltare a 360% e sempre le richieste dei pazienti.

Insomma, lavorare con i disabili non è affatto per tutti. E questo, purtroppo, lo vediamo ogni giorno con dei servizi realizzati da vari telegiornali. Infatti, spesso e volentieri, proprio quelle persone che dovrebbero prendersi cura dei nostri cari affetti da disabilità, li aggrediscono nei modi peggiori. Per questo motivo un lavoro del genere richiede una completa concentrazione ed attenzione, ma soprattutto un senso di altruismo con la A maiuscola.

Tuttavia, oltre all’aspetto puramente morale, bisogna conoscere anche quello formativo. E, quindi, è normale chiedersi se esistano delle certificazioni da possedere per lavorare con i disabili. E quali titoli bisogna avere per fare un lavoro del genere. Cercheremo di rispondere a simili domande di seguito, ma prima diamo un’occhiata ad un’altra guida. Stiamo parlando di tutte le informazioni da conoscere per aprire una propria attività in Spagna. Oppure, per chi fosse alla ricerca di offerte di lavoro, segnaliamo quella dei Centro per l’Impiego di Roma Tiburtino il quale ha bisogno di 10 autisti turistici. Ebbene, detto questo, possiamo procedere con il nostro argomento.

Tutto quello che serve per poter lavorare con persone affette da disabilità

Innanzitutto, bisogna specificare una cosa fondamentale: per lavorare coi disabili non c’è bisogno di nessuna laurea. Un chiarimento del genere è molto importante dato che oggi sta circolando un messaggio sbagliato. E cioè che per lavorare bisogna necessariamente possedere una laurea. Bene, questo non è uno di quei casi, almeno in Italia. Tuttavia, è pur sempre necessario possedere una certa formazione visto che è impensabile fare un lavoro del genere con la sola improvvisazione.

Lavorare coi disabili richiede una grande professionalità e quindi è doveroso conoscere alcuni materie ritenute fondamentali. Stiamo parlando di materie che è possibile conoscere attraverso un tirocinio di 200 ore. Grazie a questa esperienza, non solo si acquisiranno competenze teoriche, ma soprattutto tecniche e pratiche. Le materie di cui bisogna assolutamente essere a conoscenza sono sociologia, anatomia e legislazione sociale e sanitaria. E poi anche pronto soccorso, fisiologia, patologia e igiene. Importanti sono anche farmacologia, psicologia, alimentazione, psicopedagogia, dieta e cucina. Grazie all’acquisizione di simili materie si diventa a tutti gli effetti un assistente alle persone disabili. In questo modo si è completamente abilitati alla professione.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Quali sono i luoghi di lavoro

Di solito, è molto più facile trovare lavoro presso strutture private, nate proprio per assistere chi soffre di qualche disabilità. Le stesse abbracciano più aspetti del quotidiano e più fasce d’età che riguardano i disabili. In questo modo, si dà una mano alla famiglia di chi è affetto da disabilità cercando di supportarlo in ogni modo. E quindi parliamo di gruppi e associazioni di volontariato, ma anche di cooperative sociali. E poi ancora di laboratori protetti, di istituti residenziali, di servizi di assistenza domiciliare e di associazioni come ANFFAS e AIAS. Tali professionisti sono richiesti anche nelle comunità alloggio e nei servizi di assistenza scolastica a minori con disabilità. E, infine, presso soggiorni estivi e colonie per disabili e centri educativi occupazionali.