Multe salate a chi non è in regola: dopo l’emergenza si torna alla normalità e il tempo per adeguarsi è poco

Circolazione stradale, il tempo per regolarizzare la propria posizione non è molto. Dopo la fine dell’emergenza pandemica ogni documento dovrà essere al suo posto o si rischia grosso.

L’ultima proroga legata all’emergenza Covid scadrà il prossimo 29 giugno. E’ tempo di mettersi in regola con gli adempimenti connessi alla circolazione stradale per evitare sanzioni e provvedimenti.

circolazione stradale documenti
Adobe Stock

Durante la pandemia il Governo ha concesso delle proroghe in merito alla patente, alle revisione dei veicoli, al pagamento del bollo auto. Ora che l’emergenza è finita e il ritorno alla normalità è cominciato, occorrerà rispettare ogni singola scadenza per non rischiare di incorrere in sanzioni e provvedimenti. Nello specifico, la data da segnare sul calendario entro cui avere tutta la documentazione in regola è il 29 giugno 2022. Una ventina di giorni circa, dunque, per verificare di essere a posto con la patente di guida, con i controlli alla propria auto e con le certificazioni – come la carta di qualificazione per la guida dei mezzi pesanti o il certificato di formazione professionale per il trasporto di merci pericolose. Ogni documento prossimo alla scadenza o già scaduto tra il 31 gennaio 2022 e il 31 marzo 2022 (periodo di emergenza pandemica) dovrà essere rigorosamente rinnovato perché il 29 giugno non ci saranno più proroghe.

Circolazione stradale, preparatevi ad eseguire le visite mediche

La data del 29 giugno è il termine ultimo per sottoporsi alle visite mediche previste per chi deve sottoporsi al controllo della Commissione medica locale – come le persone con disabilità. Finisce, dunque, l’era del permesso provvisorio rilasciato per le lunghe file di attesa. Allo stesso modo, dovranno sottoporsi a visita medica i conducenti di bus e camion delle categorie CE, D, DE e D1E che hanno superato rispettivamente i 60 e i 65 anni di età durante il periodo di emergenza Covid 19. Il controllo della Commissione, infatti, è necessario per continuare a guidare i mezzi pesanti raggiunta l’età citata.

Il prossimo 29 giugno, poi, scadranno anche gli attestati di fine corso di qualificazione iniziale o periodica per la Carta di Qualificazione del Conducente e il rinnovo o conseguimento del Certificato di Formazione Professionale.

Nessuna proroga per i fogli rosa e revisioni

Tutte le proroghe per i fogli rosa comprese tra il 31 gennaio e il 31 marzo dell’anno in corso scadranno il 29 giugno 2022. Stesso discorso per l’approvazione tecnica dei veicoli-frigo e per la sostituzione o riqualificazione delle bombole a metano e delle prove periodiche per la tenuta e l’efficienza delle cisterne. La data vale pure per le autorizzazioni per i trasporti eccezionali, la circolazione di prova e l’effettuazione delle scorte tecniche.

Le proroghe per le revisioni e in controlli sui veicoli sono, invece, già scadute e dunque è bene affrettarsi e regolarizzare la propria posizione. Ricordiamo che avere la revisione scaduta o non in regola comporterà una sanzione di importo compreso tra 169 a 679 euro, cifra che sale fino a 1.358 euro in caso di recidività.