Ferrero concorso a premi per la Festa della Mamma, su WhatsApp e Facebook, nuova truffa o è vero?

In questi giorni sui Social di nuovo Ferrero concorso a premi, stavolta per la Festa della Mamma. Ma è vero oppure no?

Facebook ma anche WhatsApp sono veicolo di molte truffe. Purtroppo i criminali sanno bene come sfruttare i mezzi più usati dalle persone. In questi giorni è spuntato un altro (falso) concorso a premi indetto da Ferrero. Ecco cosa capita a chi clicca sul link.

ferrero concorso
Adobe Stock

Purtroppo per l’azienda Ferrero non c’è pace. Dopo l’enorme scandalo del pericolo Salmonella che ha coinvolto l’azienda, una truffa nel periodo di Pasqua e adesso questo nuovo danno d’immagine. Ciò a causa di un’altra truffa che sta circolando sui social e su WhatsApp.

Ferrero concorso a premi per la Festa della Mamma, ma è una truffa

In questi giorni una “catena” di messaggi inoltrati sta facendo arrivare il tentativo criminale su tantissimi cellulari. Il messaggio ha un titolo, “Benvenuti al Concorso a Premi per la Festa della Mamma” e il logo Ferrero Rocher in bella vista, perfettamente riprodotto. Nel testo, si invita l’utente a “giocare” e partecipare al concorso, con la seguente dicitura: “Rispondi al breve quiz, trova il premio nascosto e vinci un esclusivo cesto di cioccolato Ferrero.

Purtroppo, chi partecipa al concorso “vince” il cesto di cioccolatini, ma poi deve versare un contributo per la “spedizione” del regalo. Ed è lì che scatta la truffa. Se l’ignara vittima offre i dati della carta di credito, subisce un furto in men che non si dica.

Tra l’altro, in casi come questo, non sempre la banca rimborsa i soldi persi, perché in fondo siamo stati noi a dare le credenziali. Massima attenzione dunque. Il link di per sé allegato al messaggio non è pericoloso e non sembra vi siano virus o trojan che infettano lo smartphone. La truffa scatta solamente se l’utente va avanti col “concorso” e fornisce i dati bancari.

In ogni caso è bene non fidarsi proprio, e se vedete arrivare questo messaggio eliminatelo senza nemmeno leggerlo. Chi può, avverta amici e parenti, così da fermare quanto prima questa catena truffaldina.