Criptovalute in attività criminali: i rischi legati alle transizioni, l’Ue lancia l’allerta

Le criptovalute rappresentano la moneta del futuro, ma per l’Unione europea sono anche un rischio per gli investitori a causa delle transizioni.

Per questo l’Autorità di regolamentazione finanziaria dell’Unione europea consigliano gli investitori a stare attenti perché dietro alcune transazioni potrebbero nascondersi illegalità e frodi.

Criptovalute in attività criminali
Foto Canva

Sul sito del Parlamento europeo si legge “quando si tratta di criptovalute, le persone non sono coperte dalle norme dell’UE sulla protezione dei consumatori e spesso non sono ben informate dei rischi, il che potrebbe significare perdite di denaro”.

Criptovalute: l’Unione europea mette in guardia gli investitori

Secondo uno studio pubblicato sul giornale The Review of Financial Studies nel 2019 circa un quarto degli utenti che utilizzavano criptovalute sarebbe stato coinvolto in attività criminali quali il commercio di droga o la prostituzione.

L’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) suggerisce gli investitori a prestare attenzione a pubblicità ingannevoli come elevati rendimenti promessi in breve tempo. Stessa cosa per le informazioni sentite sui social media. Infatti, la mancanza di una regolamentazione potrebbe esporre a un pericolo i consumatori inconsapevoli anche di perdite finanziarie.

Inoltre, L’autorità di regolamentazione finanziaria dell’Unione europea sottolinea anche che le criptovalute non sarebbero adatte per la maggior parte dei consumatori né come investimento né come mezzo di pagamento o scambio. Proprio per questo motivo gli investitori dovrebbero:

  • affrontare la possibilità di perdere tutto il denaro investito;
  • fare attenzione, come già detto in precedenza, ai rischi di pubblicità ingannevole;
  • dubitare ai rendimenti veloci o elevati, soprattutto a quelli che promettono soldi facili in poco tempo.

Cosa è la moneta virtuale?

Le criptovalute sono monete digitali create attraverso un sistema a codici. Funzionano al di fuori delle banche e dei sistemi finanziari “ordinari”. Si tratta in pratica di una moneta virtuale con un valore digitale. È utilizzata come mezzo di cambio o come investimento.