Nuovo booster Omicron Moderna: affronta 32 mutazioni, ed è quello che serve oggi

In arrivo un nuovo booster Omicron Moderna che affronta 32 mutazione della proteina spike e supera tutti. 

La società farmaceutica statunitense Moderna ha annunciato lo scorso martedì 19 aprile 2022, che il suo nuovo booster di mRNA COVID-19 aggiornato, ha prodotto una risposta immunitaria migliore. Gli studi clinici hanno dimostrato che Moderna è efficace contro le diversi varianti SARS-CoV-2, Omicron, Delta.

booster Omicron Moderna
Adobe Stock

Il nuovo booster, chiamato 1273.211, è  formulato per aiutare le persone a eludere l’infezione da SARS-CoV-2. Inoltre, previene le malattie gravi ed evita il ricovero in ospedale. Lo studio scientifico preliminare è stato pubblicato su Research Square .

Il booster è un tipo di vaccino che gli scienziati chiamano “bivalente”, che agisce stimolando una risposta immunitaria contro due diversi antigeni tramite una singola inoculazione. Il nuovo booster si è reso necessario perché il SARS-CoV-2 ha continuato a mutare, e gli esperti hanno incoraggiato lo sviluppo del nuovo booster multivalenti contro il virus.

Quando un Vaccino è bivalente, multivalente o quadrivalente?

Il concetto di vaccino bivalente o multivalente non è nuovo, in quanto gli attuali vaccini antinfluenzali che si effettuano ogni anno, sono “quadrivalenti”. Questo significa che mirano a quattro ceppi influenzali con una sola iniezione.

Moderna ha progettato la nuova formula per colpire la variante Beta emersa in Sud Africa nel luglio 2020, nonché la variante originale di SARS-CoV-2.  Attualmente sono in uso i i booster  da Moderna, Pfizer e altri.Ma, si basano esclusivamente su quella variante originale. La variante SARS-CoV-2 dominante, ad aprile 2022, è la sottovariante Omicron BA.2.

I risultati dello studio

Il nuovo booster, mRNA 1273.211, è stato testato su 895 persone contro il booster mRNA 1273 attualmente approvato. Alcuni partecipanti hanno ricevuto una dose di 50 microgrammi (µg), la stessa quantità di RNA virale degli attuali booster. Alcuni hanno ricevuto una dose di 100 µg.

I partecipanti che hanno ricevuto la dose di 50 µg hanno avuto un aumento di 2,20 volte dei loro titoli anticorpali neutralizzanti contro Omicron dopo 28 giorni. Sei mesi dopo, i partecipanti avevano ancora 2,15 volte gli anticorpi acquisiti con il booster Moderna originale.

Il booster offre anche una migliore protezione contro le varianti originale, Beta e Delta a un mese.

Non ci sono stati ricoveri tra i partecipanti allo studio che hanno ricevuto il richiamo e gli effetti collaterali sono stati simili all’attuale richiamo di Moderna.

L’mRNA 1273.211 era basato sulla variante Beta SARS-CoV-2, mirando a nove delle sue mutazioni della proteina spike. L‘mRNA 1273.214, a sua volta, è basato su Omicron, che affronta 32 delle sue mutazioni della proteina spike. L’mRNA 1273.211 prende di mira solo quattro mutazioni del picco proteico trovate in Omicron, poiché si basa su una variante più vecchia, Beta.

Gli esperti sono ora in attesa dei risultati per l’mRNA 1273.214, in quanto lo studio suggerisce che sarà un successo. E un booster Omicron è proprio quello che serve oggi.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e riguardano studi scientifici pubblicati su riviste mediche. Pertanto, non sostituiscono il consulto del medico o dello specialista, e non devono essere considerate per formulare trattamenti o diagnosi)