Bollo auto con legge 104, il comma 1 permette l’esenzione se il verbale contiene questa dicitura

I titolari di legge 104 possono richiedere varie agevolazioni, tra queste anche l’esonero per il pagamento del bollo auto.

Questo perché tale legge non solo aiuta le persone con disabilità, ma anche i loro familiari. Ad esempio, in pochi sanno che chi assiste un familiare con legge 104 può chiedere un assegno al proprio Comune ogni mese.

Bollo auto con legge 104
Adobe Stock

Riguardo al bollo auto, tutto però dipende dai requisiti che si hanno. Infatti, saranno proprio questi a determinare l’esonero dal pagamento. Ovviamente, sono necessari anche specifici documenti da allegare alla domanda in base alla tipologia di disabilità.

Bollo auto e legge 104: come ottenere l’esonero

Un Lettore pone agli Esperti di InformazioneOggi la seguente domanda: “Salve, leggendo su vari social ho trovato che chi ha la legge 104 art.3 comma 1 è esentato dal pagare la tassa automobilistica, ma nello scaricare il modello dalla Regione Campania dell’articolo sopra menzionato non ne parla. Mi domando se è vero oppure no. Mi può delucidare? Grazie”.

Facciamo chiarezza sull’esenzione del bollo auto e i documenti da presentare per poter fare domanda, in base alla tipologia di beneficiari.

L’esonero dal bollo auto con legge 104 spetta a quelle persone che l‘articolo 3 definisce cittadini con handicap: “colui che presenta una minoranza fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione”.

Di conseguenza, gli invalidi civili sono quelle persone che, a causa di un problema fisico o psicologico, hanno subito una riduzione di un terzo della capacità lavorativa. Questi, così come i sordomuti, i non vedenti e gli ipovedenti, rientrando nella categoria delle persone con disabilità, possono fruire dell’esonero del bollo auto. Però, la disabilità deve essere certificata come ‘permanente’ e grave. Infatti, se una persona perde tali capacità per un periodo temporanea l’esonero decade.

Quali cittadini possono richiedere l’esonero

In sintesi, possono richiedere l’esonero del pagamento del bollo auto ai sensi della legge 104 i cittadini in possesso di un certificato di invalidità che certifichi una disabilità per:

  • ridotte o impedite capacità motorie permanenti;
  • grave limitazione della capacità di camminare, inclusi anche le persone affette da pluriamputazioni;
  • problemi di natura psichica o mentale titolari dell’indennità di accompagnamento;
  • cecità o sordità.

Attenzione, però, perché per ottenere l’esonero è necessario che sul verbale legge 104 sia indicato in modo chiaro dell’invalidità con ‘handicap grave’ o difficoltà motorie. In particolare il verbale deve contenere la dicitura: “l’interessato possiede i requisiti tra quelli dell’art. 4 DL 9 febbraio 2012 n. 5

Quali documenti presentare in base alla disabilità

I titolari di legge 104 per richiedere l’esonero dal pagamento del bollo auto devono presentare diversi documenti in base alla tipologia di invalidità. Ricordarsi di allegare sempre la fotocopia della carta di circolazione.

I richiedenti con disabilità per ridotte capacità motorie devono presentare:

  • patente di guida speciale per le auto adattate;
  • certificato che attesti lo stato di invalidità e la patologia che causa le ridotte o impedite capacità motorie;
  • certificazione che indichi che persona con disabilità e fiscalmente a carico dell’intestatario del veicolo, nel caso in cui il veicolo non fosse intestato al disabile;
  • carta di circolazione sulla quale devono essere indicati le modifiche (prescritte dalla commissione medica) fatte al veicolo.

Invece in caso di patologia che reca limitazioni gravi nella deambulazione (o pluriamputazioni) questi sono i documenti da presentare:

  • verbale legge 104 (articolo 4) nel quali viene riconosciuto l’handicap e rilasciato dall’ASL o da un’altra struttura sanitaria che attesti la situazione di handicap grave;
  • certificazione che provi che la persona con disabilità e a carico fiscalmente di un familiare, se il veicolo non è intestato alla persona con handicap.

I documenti da presentare in caso di disabilità mentale o psichica sono:

  • certificazione che indica l’handicap grave (legge 104, articolo 4);
  • dichiarazione sostitutiva che certifichi l’indennità di accompagnamento rilasciata da una commissione medica che ha riconosciuto l’invalidità civile;
  • documenti che attestino che la persona con disabilità mentale o psichica e fiscalmente a carico del richiedente.

Infine, per i non vedenti, ipovedenti e sordomuti ecco i documenti:

  • certificati rilasciati da strutture sanitarie autorizzate con l’indicazione dello stato di handicap o dell’invalidità e presenza di ipovisione, cecità o sordità;
  • certificato che dichiari che la persona con disabilità è a carico del familiare richiedente, se il veicolo non è intestato alla persona con disabilità.

Se hai dubbi o vuoi porre una domanda di carattere previdenziale, fiscale e legge 104, inviala alla mail: esperto.informazioneoggi@gmail.com

Impostazioni privacy