WhatsApp, già da oggi potrebbe non funzionare più: controllate i dispositivi

WhatsApp, per alcuni utenti potrebbe smette di funzionare in questi giorni. Vediamo nel dettaglio il motivo e cosa fare. 

Già dopo pochi anni il suo arrivo sul mercato, WhatsApp è diventata in pochissimo tempo una delle piattaforme di messaggistica più utilizzate al mondo. Merito soprattutto dei suoi sviluppatori, che fin dalla prima versione, cercano sempre di migliorare il servizio che offrono agli utenti con continui aggiornamenti.

whatsapp 1 aprile 2022 cambiamenti
Pixabay

E d’altronde, se dopo tutti questi anni la piattaforma di Zuckerberg è ancora leader del mercato occidentale nonostante la forte concorrenza, è proprio in virtù del grande servizio offerto ai consumatori. Anche perchè parliamo di un’applicazione completamente gratuita che non prevede pubblicità o costi da sostenere per gli utilizzatori. 

WhatsApp, quali sono i nuovi cambiamenti introdotti a partire dal 1 Aprile 2022

E a partire dal  1 Aprile del 2022, è stato introdotto un nuovo e importante cambiamento sulla piattaforma che i clienti devono assolutamente conoscere. Per alcuni di loro infatti, il rischio è che proprio a partire da questo giorno, l’app smetta di funzionare. Su alcuni smartphone infatti, WhatsApp potrebbe smettere all’improvviso di funzionare. Il motivo è legato ad un nuovo aggiornamento portato a termine dagli sviluppatori per aumentare la sicurezza dell’intera infrastruttura informatica.

Questa nuova modifica appena introdotta, non è però supportata da tutti i dispositivi. Non è certo un mistero infatti, che la maggior parte degli smartphone che compriamo sul mercato, smette di funzionare dopo che passano alcuni anni. Questo in realtà non è dovuto all’elevata usura del dispositivo tecnologico, il problema in merito è un altro. Il progresso tecnologico degli ultimi decenni va avanti a ritmi mai visti in passato, per quanto riguarda la precisione e la cura dei software.

E questo significa che molti strumenti tecnologici già dopo alcuni anni, non sono più in grado di supportare in modo corretto le nuove applicazioni. 

WhatsApp, cosa fare se l’app di messaggistica smette di funzionare all’improvviso

Anche perché il linguaggio informatico che si utilizza per scrivere viene migliorato costantemente e dopo un certo numero di tempo, non viene più riconosciuto dai vecchi dispositivi. Ed è per questo che questo nuovo aggiornamento effettuato da WhatsApp non sarà disponibile per tutti i cellulari. I vecchi smartphone non sono infatti in grado di reggere questo upgrade e per gli utenti non resta che una soluzione.

Quella naturalmente di dotarsi di un dispositivo tecnologico di ultima generazione. Certo non è una bellissima notizia, visto che parliamo di un aggiornamento che costringerà alcuni a fare una spesa per l’acquisto di uno smartphone nuovo. Se dunque la piattaforma di messaggistica che utilizziamo ogni giorno smette di funzionare all’improvviso, questo potrebbe essere il motivo. 

Se WhatsApp smette di funzionare, ecco dover cercare risposte sul motivo

Chiunque abbia subito questo disservizio proprio in questi giorni, come prima cosa deve controllare dal sito di WhatsApp, oppure della FAQ predisposte dall’azienda, per capire se il suo modello rientra tra quelli considerati obsoleti per il nuovo aggiornamento. Qui infatti è possibile trovare la lista di tutti i dispositivi che supportano il nuovo upgrade.

Inoltre, è importante precisare che questo cambiamento riguarda anche i modelli iPhone. Come scrive WhatsApp sul suo sito, a partire dalla data del 31 Marzo, la piattaforma di messaggistica sarà disponibile esclusivamente per i modelli iPhone superiori al vecchio sistema operativo iOs 10. Non tutti lo sanno, ma attualmente la Apple è arrivata a realizzare la versione iOs15.

E il riferimento dunque è ai modelli di iphone più vecchi. La stessa disposizione vale anche per gli smartphone che hanno installato un sistema operativo KaiOs. Come comunica l’azienda, a partire dal 1 Aprile saranno supportate soltanto le versioni superiori al 2.5.

Impostazioni privacy