Come si definisce il nucleo familiare ai fini ISEE? Se sbagli addio ai Bonus e alle pensioni

Chi rientra nel nucleo familiare ai fini ISEE? Scopriamo quali sono le regole da applicare per non perdere la maggior parte delle agevolazioni.

Uno dei dubbi più diffusi nel caso in cui si debba presentare il Modello ISEE per l’erogazione di Bonus e agevolazioni riguarda la circostanza di dover considerare all’interno del nucleo anche gli eventuali familiari non fiscalmente a carico.

ISEE nucleo familiare
Famiglia ai fini ISEE – informazioneoggi.it

La determinazione del nucleo familiare ai fini ISEE è di fondamentale importanza, per evitare il respingimento delle richieste. Specifichiamo subito che per nucleo familiare deve intendersi quello ricompreso nello stato di famiglia rilasciato dal Comune di residenza.

Ne fanno parte tutti coloro che formano la cd. famiglia anagrafica, cioè che coabitano presso la stessa residenza e stanno insieme in virtù di un vincolo matrimoniale, di parentela, di affinità, di tutela, di adozione o affettivo.

Ma quali sono le regole per la corretta individuazione del nucleo ai fini ISEE? Scopriamo cosa stabilisce la normativa.

Nucleo familiare ai fini ISEE: quali membri ne fanno parte?

L’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è il documento che fotografa la condizione economica di una determinata famiglia, indicandone la ricchezza.

Il valore ISEE è determinato sulla base dei redditi posseduti, dei beni e dei patrimoni di tutti i membri del nucleo familiare ed è necessario per beneficiare della maggior parte dei Bonus, agevolazioni, sconti, prestazioni sociali e detrazioni fiscali.

Come abbiamo anticipato, per legge, vengono considerati membri di un determinato nucleo familiare ai fini ISEE tutti coloro che formano la famiglia anagrafica. Vi rientrano, in pratica, i soggetti che, al momento della presentazione della DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) sono qualificati dallo stato di famiglia del Comune di residenza come coniugi conviventi, coniugi non conviventi, conviventi non sposati, figli minorenni conviventi e figli maggiorenni non conviventi con i genitori.

In base all’attuale disciplina normativa, coloro che fanno parte di un determinato nucleo familiare ai fini ISEE mantengono tale status anche se risultano in uno stato di famiglia diverso ma continuano ad avere la residenza presso la casa in cui vive la famiglia originaria.

Di conseguenza, se una persona presenta al Comune di residenza la richiesta di separazione del proprio stato di famiglia da quello degli altri membri, non verrà più considerato ai fini ISEE nel nucleo di partenza soltanto a condizione che cambi la residenza e la trasferisca altrove.

Nell’ipotesi in cui provveda al solo cambio dello stato di famiglia senza anche quello della residenza, ai fini ISEE (ordinario e corrente) sarà considerato ancora parte della famiglia originaria.

Impostazioni privacy