Produrre elettricità in montagna, l’incredibile soluzione dei pannelli solari sulle recinzioni da neve

In tema fotovoltaico, ecco come funziona la produzione di energia elettrica tramite i pannelli solari sui recinti da neve: tutti i dettagli

Le energie rinnovabili rappresentano un tema sempre dal grande interesse, oltre che rilevante, e proprio al riguardo è possibile approfondire il funzionamento legato alla produzione di elettricità in montagna, in riferimento alle recinzioni da neve coi pannelli solari integrati. Ma come funzionano e di che si tratta?

Pannelli solari nelle regioni fredde: occhio a questo progetto
Produrre elettricità nei luoghi freddi ed innevati: recinzione da neve e pannelli solari – informazioneoggi.it

È un elemento nonché una svolta davvero importante, nell’ambito del rinnovabile, quanto sta emergendo nelle regioni fredde ed innevate del Minnesota. Si tratta di un elemento del paesaggio tanto comune da esser quasi inosservato, ovvero le recinzioni da neve coi pannelli solari integrati. Il tutto si lega ad un progetto messo in campo dal Minnesota Transportation Research Board, insieme a Longboard Power e un gruppo di esperti dell’Università del North Dakota.

Lo scopo del progetto punta alla trasformazione di una soluzione tradizionale per gestire la neve in una fonte pulita di energia. Ad aver rimarcato la rilevanza dello sfruttamento dei lunghi tratti di recensioni di neve e le diverse barriere antirumore che vi sono in Minnesota, è il prof. associato del Dipartimento di Ingegneria Civile (Università del North Dakota) Mijia Yang. Tali aspetti infatti hanno un duplice obiettivo, ovvero tenere le strade libere dalla neve e, al contempo, la produzione di energia solare.

LEGGI ANCHE: Come scoprire se il fotovoltaico a casa conviene: la simulazione che non lascia dubbi

Recinzioni da neve con pannelli solari integrati: un potenziale rilevante, i dettagli

La produzione di energia elettrica pulita nei luoghi freddi ed innevati, dunque, è il tema che ha a che fare col suddetto importante progetto inerente le recinzioni da neve con i pannelli solari integrati. I pannelli solari implementati in tale progetto si distinguono per le dimensioni ridotte. La larghezza, infatti, è di soli quindici centimetri. Tuttavia, quando assemblati l’un l’altro, possono generare un’energia in grado di soddisfare diversi tipi di necessità.

Un solo segmento di recensioni di trenta metri, con tali pannelli, riesce a produrre, spiega Greenme.it, fra i venti ed i trenta kWh d’energia all’ora nel corso del giorno. Una proposta efficiente dunque per l’approvvigionamento d’energia nelle regioni settentrionali. Le superfici di tali strutture sarebbero in grado di ospitare oltre mille pannelli solari da trecento watt per miglio.

LEGGI ANCHE: Fotovoltaico trasparente e finestre che generano elettricità: non è più un sogno, l’incredibile progetto

Per comprendere il potenziale di tale progetto, occorre pensare alla prospettiva di poter impiegare 2 chilometri di recinzione con pannelli solari per l’alimentazione di cento abitazioni. L’impatto che si prevede è rivelante, tenendo presente i piani per la trasformazione di novantasei chilometri di recinzioni in generatori d’energia solare. Inoltre, ad esser previsto dal progetto è anche l’installazione dei tappeti riscaldanti lungo tali recinzioni, per il contrasto efficace della formazione di ghiaccio e neve vicino le strade, in inverno.

Gli esiti preliminari indiano che sarebbe possibile recuperare all’incirca in 4 anni l’investimento iniziale. La durata utile dell’impianto stimata, invece, sarebbe quantomeno ventennale. Per quanto riguarda la destinazione d’uso dell’energia prodotta, questa sarà varia. Si va dall’elettrificazione delle case all’alimentazione delle stazioni di ricarica per veicoli elettrici, e ancora, l’illuminazione pubblica.

Lascia un commento


Impostazioni privacy