Pensione anticipata scuola 2024: affrettati a presentare le domanda, il tempo scade

Per i lavoratori che intendono accedere alla pensione anticipata scuola 2024 è già ora di presentare la domanda. Occorre affrettarsi.

Nel 2024, i lavoratori del comparto scolastico hanno la possibilità di accedere ad un meccanismo di pensione anticipata per la quale occorre presentare domanda entro il mese di febbraio.

Pensione anticipata scuola 2024
Già ora di presentare la domanda – InformazioneOggi.it

Quest’opzione di pensionamento anticipata è indirizzato a tutti i dipendenti scolastici: dirigenti, docenti e personale ATA. Per accedervi occorre cessare l’attività lavorativa entro fine agosto. In questo modo, la pensione avrà decorrenza a partire dal primo settembre.

Le istanze per la pensione anticipata scuola 2024 possono essere presentate solo online. In alternativa, è possibile rivolgersi a patronati e CAF abilitati che effettueranno la procedura per conto del lavoratore.

Pensione anticipata scuola 2024: tutto quello che c’è da sapere

Per presentare la domanda di prensione anticipata scuola 2024 i lavoratori interessati devono utilizzare la piattaforma POLIS “istanze on line”. Si tratta di un passaggio obbligato che permette agli aspiranti pensionati di ottenere un’apposita certificazione da parte dell’INPS. Tale certificazione serve ad attestare la presenza dei requisiti necessari per accedere alla pensione.

dipendenti scolastici
Pensione anticipata scuola 2024 – InformazioneOggi.it

Con l’approvazione della Legge di Bilancio 2024, sono state introdotte importanti novità, più penalizzanti. Per accedere alla misura quota 103 è necessario raggiungere il 62esimo anno di età e aveva attraversato almeno 41 anni di contributi obbligatori. Le lavoratrici che invece preferiscono accedere a Opzione donna dovranno rispettare altri requisiti, che quest’anno sono più penalizzanti, con l’aggiunta di un anno al requisito anagrafico. Ad ogni modo, occorre avere 61 anni d’età per ottenere la pensione anticipata riservata alle lavoratrici fragili. Inoltre è necessario aver versato 35 anni di contributi per poter essere piena ed effettiva.

Dunque, le misure di pensionamento anticipato rivolte al personale scolastico sono Opzione donna e Quota 103. Tuttavia, questa categoria di lavoratori ha la possibilità di andare in pensione anche con le doghe già scadute di quota 102 e quota 100. Ciò che conta è che il diritto che permette di accedere alle suddette opzioni sia stato raggiunto prima del termine. In tal senso, si parla di cristallizzazione del diritto.

Con la prima opzione, il lavoratore del settore scolastico ha la possibilità di andare in pensione a 64 anni con almeno 38 anni di contributi versati; mentre con la seconda opzione deve rispettare un requisito anagrafico più basso di 62 anni.

Le domande di cessazione del servizio deve essere presentata entro il 29 febbraio 2024 di conseguenza le richieste che interverranno oltre tale data saranno scartate.

Impostazioni privacy