Quanto costa rifare l’impianto idraulico? Le cifre di costo per determinare il prezzo

L’impianto idraulico ha un ruolo chiave nel garantire il funzionamento quotidiano della casa. Quali spese per averlo nuovo?

Tra gli impianti essenziali per il comfort nella propria abitazione e per assicurare i tipici servizi domestici, vi è certamente quello idraulico. Esso altro non è che il sistema progettato per garantire acqua potabile e gestire il flusso delle acque reflue o di scarico, all’interno dell’edificio. Tipicamente l’impianto idraulico è costituito da tubazioni, contatore, rubinetti, valvole, serbatoi scaldabagni o caldaie, eventuali pompe, filtri e dispositivi di trattamento.

Rubinetto di un lavandino lucidato
Rifare l’impianto idraulico comportare di sostenere una spesa non indifferente, vediamo qualche cifra (Pixabay)

Un impianto idraulico ben funzionante è essenziale nella propria casa e – come vedremo tra poco – per sostituirlo in tutto o in parte, l’interessato dovrà mettere da parte uno specifico budget di spesa. Ciò gli permetterà di assicurarsi le prestazioni professionali svolte da tecnici specializzati del settore idraulico.

Ecco allora le principali indicazioni per orientarsi e sapere in anticipo a quanto ammonteranno le spese per rifare l’impianto idraulico, non prima però di averti ricordato perché è essenziale avere un impianto idraulico in ottime condizioni.

Perché avere un impianto idraulico a norma

Se vuoi vivere in comodità nella tua abitazione dovrai munirti di un impianto idraulico in grado di garantirti lo svolgimento dei suoi compiti tipici, ovvero:

  • la fornitura di acqua potabile, dato che detto impianto ti farà accedere in ogni momento alle risorse idriche per preparare i piatti che mangerai, per bere, per pulire le stanze della tua abitazione e non solo
  • la gestione e rimozione delle acque di scarico, ovvero quelle acque sporche che derivano dall’utilizzo nelle attività domestiche (ad es. doccia), riducendo il rischio di contaminazione ambientale
  • la fornitura di strumenti come le docce, i lavandini, i wc e altro
  • la protezione della salute pubblica, visto che un impianto idraulico ben progettato ed in ottimo stato, potrà contribuire alla prevenzione di malattie trasmesse proprio dall’acqua
  • la tutela dell’efficienza energetica, in quanto gli impianti idraulici moderni sono progettati per essere più efficienti dal punto di vista energetico, servendosi ad es. di dispositivi di risparmio idrico o di scaldabagni. Ne potrà beneficiare il proprietario dell’abitazione, che riceverà bollette meno salate

Inoltre, la presenza di un impianto idraulico ben strutturato e conservato in ottime condizioni incrementa il valore della proprietà e potrebbe in futuro influenzare positivamente la decisione di spesa dei potenziali acquirenti dell’immobile.

Sostituire in tutto o in parte l’impianto idraulico?

Se vuoi rifare l’impianto idraulico della tua casa, ricorda di affidarti quanto prima ad un professionista qualificato. Egli infatti potrà valutare lo stato effettivo di tutti i componenti del sistema, e potrà farlo accuratamente durante la fase di progettazione e pianificazione del rifacimento. Grazie a lui potrai così capire dove sarà necessario intervenire, con la sostituzione dei componenti, e quali parti potranno invece essere lasciate intatte.

Ad esempio se le valvole di intercettazione e i rubinetti sono in buono stato, non usurati o guasti, il tecnico potrebbe suggerirti di conservarli. Oppure se le tubazioni sono in buono stato, e non mostrano perdite o intasamenti, non sarà necessario sostituirle e, anzi, potranno essere tranquillamente usate nel nuovo impianto. Sarà compito del tecnico professionista fare un’ispezione dettagliata, per scoprire se le tubazioni davvero non abbisognano di essere sostituite.

Ed ancora, se gli scarichi e i cd. dispositivi di drenaggio appaiono ben funzionanti ed idonei ai servizi nell’abitazione, il tecnico potrà suggerirti di non inserirne la sostituzione nei lavori per rifare l’impianto idraulico. Piuttosto egli potrà adoperarsi per un lavoro di pulizia o piccola manutenzione.

I prezzi di un impianto idraulico nuovo: le voci e i costi

Se in casa ti sei accorto della presenza di chiazze di umidità, di guasti frequenti, della fuoriuscita dal rubinetto di acqua sporca o di  perdite che danneggiano il rivestimento del bagno, sappi che molto probabilmente dovrai rifare l’impianto idraulico. Se vuoi avere un’idea generale della spesa da sostenere, sappi che i tecnici specializzati di solito propongono preventivi con cifre oscillanti tra un minimo di 2mila ed un massimo di 4mila euro (comprensivi del costo della manodopera). In esso va compreso anche il costo dei materiali come tubi, raccordi, valvole, rubinetti, scaldabagni o caldaie. Il prezzo medio per sostituirlo è quindi di circa 3mila euro.

Più nel dettaglio la spesa per rifare l’impianto idraulico cucina potrebbe oscillare tra gli 800-1000 e i 1.800-2.000 euro, mentre quella per l’impianto idraulico bagno potrà essere compresa tra i 1.000 e i 2.500 euro. A queste cifre poi si somma la spesa aggiuntiva pari a 100-150 euro per ogni punto acqua, ovvero i diversi luoghi all’interno di una struttura in cui è disponibile l’acqua potabile. Sono ad es. i rubinetti, le docce oppure i lavandini.

I costi però possono salire ulteriormente in base alle dimensioni dell’ambiente domestico ed in più dovrai ricordare che il costo maggiore, che andrà a gravare sul tuo budget per rifare l’impianto idraulico nuovo, atterrà alla fase in cui i tecnici spaccheranno pareti e pavimenti per cambiare le tubature. Per completezza ricordiamo altresì che sul costo finale per rifare l’impianto idraulico, incideranno anche le cd. opere murarie per rifinire le pareti al centro dell’intervento di sostituzione. Si tratta di un costo compreso solitamente tra il 200-300 e i 700-800 euro ed anch’esso andrà conteggiato.

Il costo della riparazione e alcuni esempi pratici

In caso di riparazione dell’impianto idraulico esistente, invece, la spesa da mettere in gioco è compresa solitamente tra i 500 e i 1.000 euro, ma molto dipenderà dalle dimensioni dell’immobile.

Per un’abitazione abbastanza grande, ad esempio, potresti sostenere un costo complessivo per rifare l’impianto idraulico compreso tra i 2.500 e i 4.000 euro (con ad es. 10 punti acqua in due bagni, 2 punti in cucina e un punto per la lavatrice). Mentre per un’abitazione piccola ed entro i 50 mq, potresti spendere una cifra compresa tra i 2.000 e i 2.500 euro (con ad es. 4 punti acqua in bagno, 2 in cucina e uno per lavatrice).

Ovviamente il prezzo dell’intervento complessivo varierà in base ai dettagli del progetto del tecnico, a cui chiederai un preventivo. Per questo è essenziale avere più pareri e preventivi, in modo da orientarsi con piena consapevolezza e scegliere a chi rivolgersi per rifare l’impianto idraulico. Un tecnico serio, oltre a darti un parere professionale, ti aiuterà a capire quanto dovrai sborsare per rifare l’impianto idraulico, spendendo soltanto quanto serve. Numero e funzione dei punti acqua, grandezza del sistema, opere murarie, posizione di scarichi e tubi – ma anche costo orario dell’idraulico – sono soltanto alcuni fattori che determineranno il prezzo finale dell’intervento.

Lascia un commento


Impostazioni privacy