Bollette luce e gas: attenzione al recesso anticipato del contratto, dal 2024 ci sono penali da pagare, meglio informarsi prima di cambiare

Per coloro che hanno deciso di sottoscrivere un contratto relativo alle bollette di luce e gas con il mercato libero vi sarebbero dei costi se si decide di rescindere prima del termine

Come in tantissimi sicuramente già sapranno, per quanto concerne le bollette di luce e gas, l’anno appena arrivato vedrà il termine del mercato tutelato e quindi coloro che hanno dallo 01.01.2024 pagherebbero dei costi di rescissione relativi ai contratti col mercato libero: ecco cosa c’è da sapere in merito all’argomento in questione.

Bollette luce e gas: penale per rescissione contratto e mercato libero
Novità bollette luce e gas mercato libero: ecco perché si pagherà la penale (informazioneoggi.it)

Dall’inizio dell’anno in corso l’Arera ha dato la possibilità ai fornitori di energia di introdurre un costo se il cliente decide di rescindere il contratto prima del termine. Tale introduzione risulta essere alquanto rilevante dal momento che, fino ad oggi, il mercato libero dava la possibilità ai propri clienti di passare ad un altro fornitore ogni qual volta lo volessero e senza pagare nulla.

Tale provvedimento renderebbe dunque più complicato alle persone che hanno già sottoscritto un contratto cambiare fornitore dal momento che vi è una penale da applicare. In più, tale novità riguarderebbe solamente le offerte che hanno un canone fisso per un determinato lasso di tempo, quindi non tutte.

Bollette gas e luce: quarto costerà il recesso anticipato?

Vi sono dunque dei costi da sostenere quando si parla decide di rescindere un contratto sottoscritto con il mercato libero per la fornitura di gas e luce; tale novità, però, riguarda solamente le offerte con un costo fisso.

Queste ultime, però, risultano essere quelle più gettonate dai clienti dal momento che, in questo modo, si riesce a capire quanto si spenderà ogni mese per tale servizio. Solitamente si tratta di un contratto che ha un termine ed un costo fisso o anche senza limiti di tempo.

Ad oggi, però, non vi sono maggiori dettagli in relazione all’argomento, ma se il tutto dovesse trovare conferma, per i consumatori non sarebbe affatto una buona notizia. Per quanto concerne i contratti fatti a partire dallo 01.01.2024 la spesa da sostenere in caso di rescissione del contratto dovrà essere specificata ed in proporzione alle spesse che effettivamente l’azienda sostiene.

Di conseguenza, il costo di rescissione del contratto dovrà essere diverso se il cliente decide di passare ad un altro fornitore dopo un solo mese oppure dopo undici mesi. Se, invece, i contratti sono stati fatti prima dello 01.01.2024 allora tale variazione dovrà essere specificata ed il cliente dovrà dare il proprio consenso, dal momento che la novità non è da poco.

Lascia un commento


Impostazioni privacy