Bonus prima casa per due appartamenti vicini? L’incredibile agevolazione che non tutti conoscono

Si può richiedere il Bonus prima casa anche per acquistare due unità immobiliari adiacenti, ma solo se ricorrono determinati requisiti. Ecco quali.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito un aspetto fondamentale relativo alla fruizione del Bonus prima casa.

bonus prima casa due appartamenti
Il Bonus prima casa si può richiedere per più appartamenti? – InformazioneOggi.it

Molti contribuenti, infatti, si chiedono spesso se è possibile usufruire dell’agevolazione per acquistare due immobili, situati uno di fianco all’altro. È il caso, ad esempio, di Tizio che compra un appartamento con il Bonus prima casa e, poi, decide di acquistarne un altro situato accanto, al fine di creare un’unica abitazione.

Il dubbio al riguardo sorge perché, tra le condizioni per poter accedere al beneficio rientra quella di non possedere già un’altra casa situata nello stesso Comune.

L’Agenzia delle Entrate e la giurisprudenza hanno chiarito che è possibile per lo stesso soggetto acquistare due o più appartamenti adiacenti tramite il Bonus prima casa. Bisogna, però, che intervengano due condizioni:

  • deve esserci un unico accatastamento dell’appartamento;
  • l’immobile non deve rientrare nella categoria catastale delle abitazioni di lusso (categoria A/1).

I giudici hanno sottolineato che si può usare il Bonus prima casa per comprare un nuovo appartamento, nel caso in cui quest’ultimo venga usato per ampliare il primo immobile. In tale ottica, si può procedere all’acquisto anche di un terzo appartamento, situato accanto agli altri due.

Bonus prima casa per due o tre appartamenti: quando è possibile e a chi spetta?

Nel caso in cui si intenda accorpare due o più appartamenti e accatastarli come uno solo, per la fruizione del Bonus prima casa, non serve che la proprietà della prima abitazione sia stata già acquisita con questo tipo di beneficio fiscale.

Di conseguenza, l’agevolazione può essere richiesta anche in tali ipotesi:

  • la pima proprietà (o la terza, se si procede con il terzo acquisto) è stata acquisita tramite il Bonus;
  • la prima (o la seconda) proprietà non è stata comprata con il Bonus perché l’interessato non ha richiesto il beneficio, pur potendolo fare, oppure non l’ha potuto ottenere a causa della mancanza dei requisiti fissati dalla normativa di riferimento.

Nel caso in cui, invece, un soggetto possiede già un altro immobile e il nuovo acquisto non viene accorpato al primo, il Bonus prima casa può trovare applicazione esclusivamente se:

  • l’immobile comprato successivamente si trova in un Comune diverso da quello nel quale è ubicata la casa acquistata per prima;
  • l’abitazione comprata per prima non è stata già oggetto di Bonus prima casa.

Nell’ipotesi in cui non si rispettino tali condizioni, si decade dal diritto al beneficio fiscale.

Lascia un commento


Impostazioni privacy