Trauma cranico: come capire se lo hai avuto e quali sono le conseguenze

Il trauma cranico è spesso causato da cadute, incidenti stradali o sportivi o colpi alla testa. Meglio non sottovalutarlo.

Il trauma cranico è una condizione che si verifica in seguito ad uno shock dovuto a un incidente o un’aggressione. La lesione primaria dovuta al trauma può portare ad un disturbo della coscienza che richiederà il ricovero in terapia intensiva. Questo disturbo è chiamato anche commozione cerebrale.

Trauma cranico: tutto quello che devi sapere
Trauma cranico – InformazioneOggi.it

Un trauma cranico può determinare molteplici sintomi, quali: mal di testa, nausea e vomito, e diversi disturbi neurologici come perdita di sensibilità, capacità motorie o afasia, sonnolenza o disturbi visivi. Se questi segni persistono o compaiono nei giorni successivi al trauma è necessario rivolgersi al pronto soccorso.

A seconda della gravità del trauma, esso può essere accompagnato da perdite di coscienza che vanno dalla semplice breve perdita di coscienza dopo lo shock, fino al coma più o meno profondo. I disturbi della coscienza possono manifestarsi immediatamente dopo il trauma oppure diverse ore o giorni dopo, ad esempio quando si forma un ematoma.

Un lieve trauma cranico può essere caratterizzato da mal di testa e vertigini, talvolta nausea. Nei bambini, il vomito è più comune. Dopo una commozione cerebrale possono essere presenti amnesia transitoria o segni di confusione.

Come comportarsi dopo un trauma cranico

Nel contesto di un trauma cranico lieve, è necessario il monitoraggio del paziente per almeno 48 ore dopo lo shock. È vietato qualsiasi elemento che possa causare complicazioni, l’uso dello schermo, il consumo di alcol o praticare attività sportiva. In caso di aggravamento o comparsa di sintomi bisogna ritornare in ospedale.

Nel contesto di un grave trauma cranico con perdita duratura di coscienza, i pazienti vengono curati con trattamenti molto intensivi: rianimazione, intervento chirurgico se necessario, misurazione della pressione intracranica e trattamento di tutte le complicanze.

Quando si interrompono i farmaci sedativi, o il paziente si sveglia rapidamente, in questo caso l’obiettivo è raggiunto, avrà ripreso conoscenza con sequele motorie talvolta neuropsichiche, spesso riabilitabili. Quando i pazienti non si svegliano dopo la sospensione dei farmaci, viene rapidamente eseguito un esame multimodale.

La risonanza magnetica multimodale consente di quantificare le lesioni del paziente e di vederle in 3 dimensioni. Alcune regioni del cervello sono molto più importanti di altre in termini di risveglio.

Il mal di testa, dopo un trauma cranico, può essere più o meno intenso. Lo svenimento dopo lo shock è molto comune.

A seconda dell’area del cervello che ha subito il trauma, i disturbi cognitivi possono variare: movimento, vista, memoria, sensibilità, ecc.

Impostazioni privacy