Pensione integrativa e doppio vantaggio: sull’assegno e rimborso 730

La pensione integrativa ha il vantaggio della deducibilità fiscale dei contributi versati al fondo pensionistico dal reddito assoggettabile a IRPEF dichiarato ogni anno.

I partecipanti di un fondo pensione sono gratificati dallo Stato attraverso agevolazioni fiscali, per motivare l’accesso alla pensione integrativa a quella pubblica.

Pensione Integrativa
InformazioneOggi

La pensione integrativa è riconosciuta dopo il perfezionamento dei requisiti richiesti per la pensione di vecchiaia (per il 2023: 67 anni di età e minimo 20 anni di contributi). Per poter accedere alla pensione integrativa bisogna almeno versare almeno 5 anni di contributi in un fondo pensione complementare

La contribuzione versata annualmente nel proprio fondo pensionistico è associata al rendimento sul capitale stanziato e impiegato. I versamenti vengono sottratti dal reddito dichiarato prima dell’applicazione dell’aliquota progressiva prevista, generando così meno imposte da versare.

Il limite di deducibilità fiscale è pari a 5.164,57 euro annui, fino a tale limite i contributi versati si possono portare in deduzione.

IRPEF e deducibilità contributi pensione integrativa

L’Irpef è l’imposta sul reddito delle persone fisiche che si applica sul reddito complessivo del contribuente residente in Italia. L’Irpef è data dalla somma dei redditi:

  • fondiari (terreni e fabbricati);
  • di capitale (interessi derivanti da conti correnti);
  • da lavoro autonomo;
  • lavoro dipendente;
  • redditi diversi
  • di capitale redditi da lavoro dipendente e lavoro autonomo e redditi diversi.

I redditi che non sono assoggettabili all’IRPEF sono quelli che rientrano nella no tax area, cioè quelli:

  • fino a 8.500,00 euro per i pensionati;
  • fino a 8.174,00 euro per i lavoratori dipendenti;
  • fino a 5.550,00 euro per gli autonomi

In questi limiti non vi è contribuzione fiscale e quindi non ci sono nemmeno detrazioni e deduzioni fiscali.

La convenienza della deducibilità fiscale

La deducibilità fiscale dei contributi versati al fondo pensione è un incoraggiamento all’adesione, di fatti grazie a ciò:

  • si demolisce l’impatto fiscale;
  • sono applicate aliquote su un reddito più basso;
  • le imposte da versare sono inferiori;
  • il massimo a disposizione è di 5.164,57 euro annuali dei versamenti;
  • per l’eccedenza e non dedotta è fiscalmente esente nella fase dell’erogazione

Il reddito è suddiviso in tante parti per quanti sono gli scaglioni nel loro totale e ad ognuno corrisposta un’aliquota diversa. Gli scaglioni e le aliquote sono così suddivisi:

  • per i redditi fino a 15.000 euro corrisponde un’aliquota del 23%;
  • per quelli da 15.001 euro a 28.000 euro l’aliquota è pari al 25%;
  • per i redditi da 28.001 a 50.000 euro corrisponde un’aliquota del 35%;
  • per redditi di oltre 50.000 euro l’aliquota è del 43%.

Il reddito viene scomposto in molte parti per quanti sono gli scaglioni conteggiati nel loro complessivo e ad ognuno viene applicata l’aliquota di riferimento. Per il reddito fruttato per l’anno 2022 viene applicata la nuova IRPEF.

Ad esempio, per un reddito lordo complessivo pari a 25.000 euro, 15.000 euro vengono calcolati con l’aliquota del primo scaglione (23%), la restante parte 10.000 sono calcolati in base all’aliquota del 25%.

Quindi: (15.000 x 23%) + (10.000 x 25%) = 3450 + 2500 = 5.950 Totale imposte

Un altro esempio è quello in caso si ha un reddito lordo totale di 40.000 euro, 15.000 euro sono calcolati con l’aliquota del 23%, i 13.000 (28.000 euro – 15.000 euro) sono applicati con l’aliquota del 25% e i restanti 12.000 euro (40.000 euro – 28.000 euro) calcolati con l’aliquota del 35%.

Cioè: (15.000 x23%) + (13.000 x 25%) + (12.000 x 35%) = 3450+3250+4200= 10.900 imposte totali.

Si risparmia davvero con la pensione integrativa?

Per la deducibilità della previdenza integrativa, ai fini del calcolo IRPEF, analizziamo come funziona riprendendo come riferimento il reddito lordo di 25.000 euro del primo esempio. In caso di versamento di 1.500 euro nel fondo pensione il reddito imponibile diminuisce, cioè:

25.000 – 1.500 = 23.500 reddito imponibile

(15.000 x 23%) + [(23.500-15.000) x 25%] =

3450 + (8500 x 25%) =

3450+2125= 5575 imposte

Il risparmio, dunque, è di 375 euro (5950-5575) rispetto al primo esempio.

Prendendo invece i dati del secondo esempio con un reddito lordo complessivo di 40.000 euro e un versamento nel fondo pensione di 3.000 euro:

40.000-3.000 =37.000 reddito imponibile

(15.000 x 23%) + [(28.000 -15.000) x 25%] + [(37.000-28.000)x35%]=

3450+3250+3150=9850 imposte

Il risparmio è pari a 1050 euro rispetto al secondo esempio (10900-9850).

RITA: l’opportunità di anticipare la pensione!

La pensione può essere anticipata di almeno 5 – 10 anni, senza aspettare quindi i 67 anni di età previsti per la pensione di vecchiaia, attraverso la RITA (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata).

L’argomento è stato trattato in un nostro articolo che evidenzia tutte le possibilità per accedere alla RITA: Requisiti Rendita Integrativa Temporanea Anticipata