Whatsapp, non si può fare tutto: errori da evitare conseguenze disastrose

Molti ignorano che su Whatsapp vi sono dei comportamenti vietati e relative conseguenze: cosa non si può fare che è bene sapere

È un’applicazione dal larghissimo uso, Whatsapp, eppure non tutti conoscono i comportamenti da evitare e che non si possono tenere: a seguire, sinteticamente, i punti da conoscere.

Whatsapp
InformazioneOggi

Vi sono infatti termini e condizioni che spesso non vengono lette, ma che invece è bene sapere per comportarsi al meglio quando si usa l’app di messaggistica.

Quest’ultima, dal momento che talvolta può essere mira di malintenzionati e hacker, al fine di controllare le attività che possono esser dannose, si occupa di rilasciare costantemente aggiornamenti in termini di sicurezza e privacy.

Vi è l’automizzazione del sistema e per tal ragione può succedere di finire in tali comportamenti dannosi anche non sapendolo, vedendosi arrivare un ban senza sapere il motivo. Ecco che conoscere gli aspetti aiuta ad avere l’account senza eventuali restrizioni.

A seguire, alcuni punti da conoscere: spam, segnalazioni, pirateria, sticker e immagini.

Whatsapp, cosa non fare: spam e segnalazioni

Due grandi novità per gli utenti Whatsapp con queste sorprese pronte a stupire, ma come detto è bene prestare attenzione a come comportarsi quando si usa l’app verde.

A cominciare dallo spam, che si verifica quando si invia il medesimo messaggio a vari contatti per la propria pubblicità o di eventuali prodotti. Atteggiamento che infastidisce, limitato dalla piattaforma con la possibilità di invio contemporaneo dello stesso messaggio a soltanto 5 contatti.

La necessità di diffusone di link deve seguire le regole previste. Il consiglio dell’app è di caricare i messaggi sullo stato, oppure l’invio di un solo messaggio ad un gruppo di utenti fatto appositamente.

Attenzione, ciò non significa che se serve spammare vada fatto ogni volta un nuovo gruppo. Si rischia l’invito a soggetti non interessati che potrebbero fare le segnalazioni. Un solo gruppo dunque con la creazione di una community e contatti interessati.

In caso di spam o invio materiale offensivo, o se si infastidiscono contattando persone a caso, l’utente può bloccare ma anche segnalare l’account.

Quando accade, Whatsapp può accedere agli ultimi 5 messaggi e alle info del contatto, così da verificare se vi è stata violazione delle regole. Il blocco arriva in caso di raccolta di varie segnalazioni di infrazioni simili e confermate dai messaggi.

Vi è la possibilità del ricorso, mediante mail o app.

Pirateria e sticker e immagini

Whatsapp mediante modifiche alle politiche, si è occupata della problematica dei contenuti digitali pirata, andando ad oscurare link sospetti condivisi in chat. Si possono condividere contenuti multimediali fino a 2Gb, diverso l’aspetto dei link.

Nel caso di inoltro di un link di portali streaming pirata, probabilmente il messaggio sarà oscurato. Non si esclude però la possibilità di un ban permanente.

La condivisione di film è vietata. Potrebbero non esservi conseguenze, ma potrebbe esservi invece un divieto permanente in merito. Tutto quanto si condivide sull’app è accessibile, e vi è un sistema di rilevamento automatico nel contrasto degli hacker.

Poiché automatizzato, il margine del fraintendimento c’è. Insistendo con tali attività, l’app potrebbe procedere alla sospensione in caso di condivisone di materiale illecito o con copyright.

Un’immagine senza copyright non necessariamente è comunque idonea. Usare immagini e sticker inerenti contenuti xenofobi, razzisti o di altro tipo potrebbe potrebbe portare alla sospensione in caso di segnalazione.

Per queste e per altre ragioni è bene stare attenti e rispettare termini e condizioni previsti nel rispetto della comunità e delle regole vigenti.

Qualora Whatsapp sospendesse definitivamente il numero, non si potrà più impiegare la nota app. Questi, alcuni aspetti in merito, ma è bene approfondire per saperne maggiormente.

Impostazioni privacy