Questa sostanza è fatale per le donne: la ricerca è da brividi

Una nuova indagine scientifica ha rivelato come una particolare sostanza sia pericolosissima per le donne e per i loro bambini.

Stiamo parlando di una componente presente in molti aspetti della nostra quotidianità che attacca, in particolare, un gruppo specifico di donne.

sostanza
InformazioneOggi – Sostanza pericolosa per le donne

A quanto pare, non bisogna mai abbassare la guardia: nonostante il Covid e le tutte le possibili influenze di questo mondo, cosa ci fa più male davvero è molto vicino a noi. Con questo non vogliamo dire che la pandemia non abbia avuto i suoi effetti nefasti. Ma, forse, più della stessa, certe volte siamo esposti a maggiori pericoli senza sapere nemmeno il perché, senza rendercene conto.

È questo il discorso alla base di una nuova ricerca che ha messo in evidenza come una particolare sostanza, che possiamo trovare ovunque, sia fatale per gli esseri umani. Anzi, a dirla tutta, più che verso qualsiasi essere umano, chi rischia di più è la donna. La stessa, infatti, potrebbe rischiare di incontrare malattie croniche come il diabete e tumori, dato che si andrebbe ad interferire con il sistema endocrino.

Prima di procedere, visto che le abbiamo menzionate, leggiamo qualche notizia in merito alle masse tumorali. A quanto pare, il rischio di contrarre un tumore aumenta se si mangiano questi particolari cibi. E dato che abbiamo citato anche il Covid, un altro studio ci spiega se bisogna vaccinarsi ancora dopo aver preso di recente il virus. Chiusa parentesi, passiamo alla nostra ricerca.

Attenzione a questa sostanza: le donne potrebbero rimetterci la pelle!

Prima di entrare nel vivo della ricerca, è giusto presentare la sostanza di cui stiamo parlando. Stiamo facendo riferimento agli ftalati che hanno il potere di alterare il sistema endocrino. Gli stessi possono bloccare oppure interferire con gli ormoni del nostro corpo. E, a quanto pare, questo è possibile soprattutto nelle donne bianche.

Gli ftalati sono delle sostanze chimiche impiegate soprattutto nella plastica. Ad esempio, entriamo in contatto con loro attraverso prodotti che si prendono cura della nostra bellezza, ma anche tramite giocattoli e imballaggi. Diciamo che, per capirci meglio, gli stessi sono usati per rendere più morbida la plastica e più flessibile.

Tuttavia, possiamo incontrare gli stessi anche nel cibo: in particolare nella panna, nel pollame, nella carne grassa, nell’olio di cucina, nel lette intero e nella margarina. Gli ftalati comportano serie conseguenze sulla salute delle donne come i già citati tumore e diabete. Ma non finisce di certo qui: infatti, ci si può anche ammalare di asma, di infertilità e mettono a rischio le donne in gravidanza.

L’indagine scioccante

Lo studio si chiama Study of Women’s Health Across the Nation-(SWAN) è stato pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, una rivista di tipo medica. La stessa, infatti, si occupa di ricerche e notizie inerenti al campo del metabolismo e dell’endocrinologia.

Il gruppo di ricercatori ha preso in considerazione la bellezza di 1.308 donne e le loro condizioni fisiche. Nel corso di sei anni, sono state osservate le pazienti a contatto con gli ftalati e tutte le possibili conseguenze.

Secondo i dati emersi, nel corso di questo periodo di tempo, il 5% delle donne ha sviluppato la malattia del diabete. In particolare, come già detto all’inizio, quelle più a rischio sono state le donne bianche, con una probabilità superiore al 30-63% dei casi. A differenza loro, le donne di colore oppure asiatiche non hanno sviluppano il diabete a contatto con gli ftalati.

Tuttavia, nonostante l’importanza di questa ricerca, è necessario continuare su questo versante per conoscere qualcosa di più in merito.

Le informazioni presenti nell’ articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e riguardano studi scientifici pubblicati su riviste mediche. Pertanto, non sostituiscono il consulto del medico o dello specialista, e non devono essere considerate per formulare trattamenti o diagnosi.

Impostazioni privacy