Reddito alimentare: come funziona e a chi spetta la nuova misura per le famiglie in difficoltà

Il Reddito alimentare, nato per aiutare le famiglie in povertà assoluta, è una novità nella legge di Bilancio. Ecco di cosa si tratta.

Pacchi alimentari per le famiglie in povertà assoluta, il Reddito alimentare ha due obiettivi. Il primo aiutare i cittadini che vivono in estrema povertà economica.

reddito alimentare
InformazioneOggi

Il secondo obiettivo è contrastare lo spreco alimentare. Ed è proprio su quest’ultimo aspetto che il reddito alimentare vuole intervenire: recuperare il cibo invenduto dai distributori alimentari e destinarlo a coloro che sono in difficoltà.

Reddito alimentare: come funziona e a chi spetta la nuova misura per le famiglie in difficoltà

A stabilire le intenzioni di questa nuova misura contro la povertà è il comma 434 della legge di Bilancio 2023. Si inizierà con una sperimentazione in alcune città del Nord e del Sud Italia. Ecco l’elenco:

  • Bari;
  • Bologna;
  • Cagliari;
  • Catania;
  • Firenze;
  • Genova;
  • Messina;
  • Milano;
  • Napoli;
  • Palermo;
  • Reggio Calabria;
  • Roma Capitale;
  • Sassari;
  • Torino;
  • Venezia.

Come stabilisce il suddetto comma, la misura prevede un fondo di 1,5 milioni di euro per il 2023 e di 2 milioni di euro per il 2024.

Le risorse serviranno a finanziare i pacchi contenenti non solo generi alimentari ma anche di prima necessità destinati. I pacchi saranno destinati a soggetti che si trovano in difficoltà economica di estrema povertà.

I pacchi dovranno essere prenotati su una apposita applicazione e in seguito ritirati presso un centro di distribuzione. Per alcuni soggetti è prevista la possibilità della consegna a domicilio del pacco prenotato.

Però per le informazioni più dettagliate si deve attendere la pubblicazione del decreto del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Tale decreto dovrebbe essere pubblicato entro 60 giorno dopo l’entrata in vigore della legge di Bilancio.

Potrebbe interessare anche il seguente articolo: “Carta Acquisti: online i moduli per risparmiare su spesa e bollette”.

I beneficiari

Nella legge di Bilancio si capisce chiaramente chi sono i beneficiari del Reddito di cittadinanza: i soggetti che vivono in estrema condizione di povertà. Esattamente cosa significa? Si intende con povertà assoluta quando una persona non ha risorse economiche mensili sufficienti a far fronte all’acquisto di un bene o servizio essenziale per la sopravvivenza.

Si pensi che nel 2021, secondo il Rapporto 2022 su Povertà ed esclusione sociale della Caritas, i soggetti in questa condizione erano circa 5,6 milioni. Tra questi, 1,4 milioni erano bambini. In quell’anno la povertà in Italia ha toccato i minimi storici.

Tra l’altro, mentre milioni di persone non riescono a fare la spesa o a garantire almeno 3 pasti al giorno alla propria famiglia, il circuito della distribuzione degli alimenti spreca migliaia di tonnellate di alimenti.

Ed è proprio su questo che punta il Reddito alimentare: utilizzare il cibo ancora buono per il consumo. Quindi, via libera a quelli in scadenza o rimasti troppo tempo sugli scaffali.

Impostazioni privacy