Caldaia ibrida, il risparmio in bolletta è assicurato: come funziona e quanto costa

Scopriamo come funziona la caldaia ibrida e perché la sua installazione consentirà di risparmiare in bolletta. 

Ridurre i consumi energetici per ammortizzare i costi in bolletta, obiettivo raggiunto con la caldaia ibrida.

caldaia ibrida
InformazioneOggi.it

L’inverno è arrivato, il freddo inizia a farsi sentire in tante regioni e ben presto coinvolgerà tutta Italia. Questo significa che arriverà il tanto temuto momento – l’accensione dei termosifoni – anche nelle zone in cui fino ad ora il caldo è stato amico. Di conseguenza i costi in bolletta lieviteranno nonostante sia previsto finalmente un calo del prezzo dell’energia elettrica e del gas. Con tutte le spese in programma ammortizzare i costi sarebbe l’ideale e per farlo si potrebbe pensare di optare per l’installazione di una caldaia ibrida. Parliamo di un apparecchio in grado di limitare gli sprechi energetici e di rivoluzionare il riscaldamento in casa. L’efficienza e la riduzione dei consumi sono i punti di forza della caldaia ibrida ma c’è uno svantaggio importante, il costo di acquisto.

Caldaia ibrida, come funziona: i vantaggi

La caldaia ibrida è una pompa di calore composta da più generatori di calore implementati da due diverse fonti di energia. Il riscaldamento è garantito da un lavoro complementare della caldaia a condensazione e della pompa di calore. La migliore gestione dell’energia permette di ridurre i consumi e la spesa nonché l’impatto ambientale. Di volta in volta, infatti, verrà attivato il generatore più efficiente, il più idoneo in quel particolare momento. L’apparecchio moderno risulta particolarmente utile, dunque, nelle località in cui le condizioni climatiche sono molto altalenanti. Se la richiesta termica sarà elevata, ad esempio, il calore verrà erogato dalla caldaia a condensazione. Con temperature esterne tra i -4° e i 7° si attiveranno entrambi i generatori mentre sopra i 7 gradi sarà la pompa di calore a lavorare.

Il risparmio di aggira intorno al 30% rispetto una caldaia tradizionale ma un corretto utilizzo permette di arrivare ad un risparmio del 50%. Inoltre, installando una caldaia ibrida il proprio immobile ne guadagnerà in classi energetiche e, dunque, aumenterà il valore della casa.

Un unico svantaggio, il costo iniziale

Numerosi sono i vantaggi della caldaia ibrida ma uno svantaggio frena tanti cittadini. Il costo iniziale si aggira intorno ai 10 mila euro per arrivare fino a 15 mila euro. Un investimento oneroso, dunque, che verrà ammortizzato nel tempo anche grazie al basso costo della manutenzione (la stima è di 80 euro in un biennio).

Se siete disposti a fare l’investimento iniziale per arginare i costi in bolletta e avere un efficace sistema di riscaldamento domestico l’ultima cosa che dovete sapere è che per l’installazione è necessaria la presenza di uno scarico della condensa e di una canna fumaria in acciaio.