Furto ai danni del figlio di Matteo Salvini, Federico di nuovo sotto i riflettori

Spiacevole episodio per il figlio di Matteo Salvini, minacciato e rapinato nei pressi del Pio Albergo Trivulzio a Milano. Oggetto del furto il suo cellulare.

Il racconto viene a galla in queste ore, ma la rapina ha avuto luogo nella giornata di venerdì 23 dicembre.

Salvini
InformazioneOggi.it

Federico Salvini è stato sottoposto a minacce con un coccio nei pressi del Pio Albergo Trivulzio, in via Paladini, zona Gambara, in Milano. L’oggetto del furto, il suo cellulare, è stato recuperato grazie a un commerciante egiziano.

Il giovane vede i suoi natali il 3 aprile 2003. Figlio del leader della Lega e di Fabrizia Ieluzzi, ex consorte di Matteo Salvini. Il matrimonio tra i due è durato piuttosto poco. Federico Salvini attualmente abita con sua mamma e con la sorella minore Mirta proprio a Milano.

Rapinato a Milano il figlio di Matteo Salvini

In prossimità della giornata del Natale, il diciannovenne Federico Salvini è stato vittima di una rapina. Minacce con cocci di bottiglia e consegna del cellulare, nei pressi del Pio Albergo Trivulzio, in via Paladini, zona Gambara, area occidentale della città.

Erano da poco trascorse le ore 20 del 23 dicembre, quando due uomini, a detta del figlio di Matteo Salvini, si sarebbero approcciati con veemenza all’andante Federico, rapinandolo e privandolo del cellulare, per poi mettersi in fuga. A detta di Salvini jr i due rapinatori sarebbero nordafricani, che capacità di giudizio in momenti così concitati…

Il giovane non ha riportato ferite e non pare si sia trattato di un gesto politico, ma solamente di criminalità quotidiana. Gli accertamenti sono partiti immediatamente.

Notorietà involontaria o quasi, dalle moto d’acqua della Polizia alla rapina subita a Milano

Non è la prima volta che il figlio della guida della Lega si ritrova al centro delle scorrere di notizie dei media. Non molto tempo fa le polemiche sulla sua scorazzata sulle moto d’acqua della Polizia di Stato a Milano Marittima quando il papà ricopriva l’incarico di ministro dell’Interno.

Per quel che concerne il telefono del ragazzo, la sera della Vigilia di Natale giunge una chiamata al 112. A effettuare la chiamata uno dei diversi esercenti egiziani della zona di San Siro. L’uomo racconta di un visitatore che, presentatosi in negozio, gli avrebbe proposto l’acquisto di un cellulare nuovo a un prezzo quanto mai conveniente. Il cliente avrebbe lasciato il telefono lì con l’augurio che il negoziante si decidesse poi a comprarlo.

Il commerciante, al contrario, ha deciso di chiamare le forze dell’ordine che son poi riuscite a riallacciarsi al suo effettivo proprietario: Federico Salvini. Dell’esercente non si hanno più notizie.

Intanto gli uomini della Questura di Milano hanno già ottenuto le riprese effettuate dalle telecamere del quartiere, per provare a rintracciare e delineare il volto dei due ladri.