Covid in Cina una nuova variante ‘cattiva’ miete molte vittime, l’Italia in allerta

Covid in Cina con 5mila morti al giorno a causa di una ‘cattiva’ variante che potrebbe fare più danni di quella del 2020.

A renderlo noto è il quotidiano La Stampa che ha intervistato Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene dell’Università Cattolica, ma soprattutto consigliere dell’ex ministro della salute Roberto Speranza.

covid cina
InformazioneOggi

«È quello che sarebbe successo anche da noi senza vaccini» afferma il professor Ricciardi analizzando la situazione in Cina. Per il professore la strategia messa in campo dai cinesi per bloccare il virus è stata disastrosa. Tra l’altro, i milioni di contagi e i 5mila morti al giorno sarebbero causati anche dai vaccini cinesi non efficaci come quelli utilizzati nel mondo occidentale.

Allarme Covid in Cina: una nuova ‘cattiva’ variante miete molte vittime e l’Europa si preoccupa

Il rischio che si sviluppano altre varianti, secondo l’esperto, sarebbe possibile, anche se una variante più pericolosa di Omicron è difficile.

Leggi anche “Covid e influenza australiana sono in compagnia di altri virus: sarà un lungo inverno

Secondo Ricciardi, un altro errore che avrebbe fatto il governo cinese è quello di vaccina la popolazione giovane in età di lavoro invece della popolazione più a rischio. «Non sapremo mai i numeri delle vittime, ma sono probabilmente terribili e anche difficili da nascondere nell’epoca degli smartphone» ha aggiunto.

La Cina vorrebbe aprire tutto rinunciando alle chiusure ma per il docente della Cattolica sarebbe anche questo un grave errore. Un modo per proteggersi sarebbe quello di comprare i vaccini che ha utilizzato il mondo occidentale. Secondo il professor Riccardi la Cina non lo farà mai sia per ragioni politiche sia per non dare una soddisfazione (ovvero, una vittoria) all’Occidente.