TARI 2023 super scontata solo in alcuni casi: tutte le riduzioni obbligatorie e facoltative che non tutti conoscono

La TARI è la ben nota tassa sui rifiuti, gestita e dovuta a livello locale. Vi sono scadenze entro cui pagarla, ma anche casi nei quali scatta una riduzione dell’importo, sia obbligatoria che facoltativa. Vediamo perché.

Come indicato nel sito web del Ministero dell’Economia e delle Finanze, la tassa sui rifiuti – in breve TARI – consiste in quel tributo mirato a finanziare i costi legati al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

tari
Informazione Oggi

Essa deve essere pagata da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte suscettibili di produrre i rifiuti stessi. La sola esclusione attiene alle aree non operative e alle parti comuni di un edificio condominiale, e alle aree di pertinenza scoperte o accessorie ad un locale tassabile. L’esenzione vale altresì per gli immobili inagibili o disabitati e per gli immobili non utilizzati, in cui sono anche staccate le utenze domestiche.

In particolare la TARI, da gennaio 2014, è andata a sostituire le anteriori tasse che erano pagate al Comune dai cittadini, dalle aziende e dagli enti come corrispettivo per il servizio sia di raccolta che di smaltimento dei rifiuti. Ci riferiamo in particolare alle tasse individuate con gli acronimi di TARES (Tributo comunale sui rifiuti e sui servizi), TIA (Tariffa di igiene ambientale) e TARSU (Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani).

Ebbene, in vista del pagamento del saldo finale entro la fine dell’anno, c’è chi si domanda come fare a pagare meno. E’ possibile? Quali le riduzioni obbligatorie e facoltative? Cerchiamo di fare chiarezza nel corso di questo articolo, in cui ci soffermeremo proprio sui casi di alleggerimento della spesa per la spazzatura. I dettagli.

Pagamento TARI: distinzione parte fissa e parte variabile

Le scadenze del versamento della TARI sono indicate dal comune prevedendo di norma almeno due rate a scadenza semestrale: così indica chiaramente il sito web del Ministero dell’Economia. In particolare non dobbiamo dimenticare che l’ammontare della TARI da pagare è fissato dagli enti locali, così come il numero di rate. Questo perché si tratta appunto di un tributo locale.

In base alle regole vigenti, quest’ultimo può comportare almeno due fino ad un massimo di quattro rate annuali. Mentre l’ultima rata, il saldo finale, va pagata entro la fine dell’anno. Ecco perché c’è chi proprio in questo periodo si chiede come fare a pagare un po’ meno.

Molto importante è ricordare che la TARI è composta da due parti, fissa e variabile. Vediamo in sintesi:

  • la parte fissa considera le componenti del costo del servizio e, in riferimento alle utenze domestiche, è individuata sulla scorta della superficie e della composizione del nucleo familiare;
  • la parte variabile considera invece la quantità e la qualità dei rifiuti prodotti, ovvero ha rilievo la quantità di rifiuti per chilogrammi che sono prodotti da ogni utenza. Ed è proprio sulla parte variabile che si può capire quando e quanto si paga meno.

Pagamento TARI: le riduzioni obbligatorie

Ebbene, oltre ai casi di esenzione, collegati alle aree non operative e alle parti comuni di un condominio e alle aree di pertinenza scoperte o accessorie ad un locale tassabile, sussistono situazioni per le quali i Comuni applicano delle riduzioni, sia obbligatorie che facoltative. Vediamo le prime, le quali valgono al di là delle scelte discrezionali del singolo Comune.

Sulla scorta della distinzione vista sopra tra parte fissa e parte variabile della TARI, si paga meno obbligatoriamente:

  • per le case in possesso di non residenti, i quali al contempo siano titolari di pensione estera. In questa situazione si versa fino ad un terzo della tariffa;
  • per il non svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti o per il suo stop per varie ragioni come, ad esempio, motivi sindacali. In questo caso la decurtazione può salire fino al 20% in meno del costo della TARI;
  • nelle aree dove non è stata compiuta la raccolta dei rifiuti in base al punto di raccolta più in prossimità. In dette circostanza si può pagare fino al 40% in meno dell’importo;
  • nelle ipotesi di raccolta differenziata collegata alle utenze domestiche. Qui la tariffa è comunque fissata dal Comune.

Pagamento TARI: le riduzioni facoltative

Lo abbiamo accennato sopra: le riduzioni possono essere obbligatorie, ma anche facoltative. Conseguentemente per queste ultime la loro applicazione si basa sulla scelta di volontà da parte dei singoli Comuni. Si tratta in particolare di riduzioni che non sono caratterizzate da limiti quantitativi stabiliti dalla legge e valgono nelle situazioni di seguito esposte:

  • abitazioni con un solo residente;
  • abitazioni ad utilizzo stagionale, limitato o discontinuo;
  • fabbricati rurali abiti ad uso abitativo;
  • locali non adibiti ad utilizzo abitativo, ma soltanto ad utilizzo stagionale e non continuativo, tuttavia ricorrente;
  • abitazioni, i cui proprietari abbiano dimora in un paese straniero per più di un semestre ogni anno.

In ogni caso, per ulteriori informazioni e chiarimenti, invitiamo a fare riferimento al sito web del proprio comune di residenza.