Chi ha la legge 104 può non pagare il mutuo, ma non tutti: requisiti e a chi inviare la domanda

Sospensione mutuo per legge 104: come funziona e chi può richiederlo, ecco tutto quello che c’è da sapere.

Il Fondo di solidarietà per l’acquisto della prima casa, definito anche Fondo Gasparrini, istituito presso il MEF, prevede la possibilità di usufruire della sospensione fino a 18 mesi del pagamento delle rate del mutuo a causa di improvvise e temporanee situazioni di difficoltà.Sono ora ammessi mutui fino all’importo di 400mila euro.

sospensione mutuo legge 104
InformazioneOggi.it

Per poter inoltrare la domanda è necessario rientrare in uno dei casi contemplati dal Fondo, tra cui anche essere titolari della legge 104/92.

 Sospensione mutuo legge 104: il quesito

Un nostro lettore ha inviato il seguente quesito: “Buongiorno, ho un figlio invalido al 100% e con in possesso della legge 104, ho provato a chiedere la sospensione del mutuo con il fondo Gasparrini ma mi è stata rifiutata. Ho provato con la banca dove ho stipulato il mutuo e non me lo concede. Avrei bisogno di una mano per sapere come fare, visto una serie di spese impreviste e la necessità di sospensione anche solo per un paio di mesi. Grazie.”

Sospensione mutuo: in quali situazioni

I casi previsti per l’accesso al Fondo sono:

  • sospensione dal lavoro per almeno 30 giorni, anche in attesa dei trattamenti di sostegno al reddito; 
  • riduzione dell’orario di lavoro per almeno 30 giorni;
  • cessazione del rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato o determinato;
  • termine dei rapporti di lavoro parasubordinato, di rappresentanza commerciale o di agenzia;
  • morte oppure riconoscimento di grave disabilità o di invalidità civile non inferiore all’80%;
  • calo del fatturato per i lavoratori autonomi/liberi professionisti.

Per la riduzione o la sospensione dell’orario di lavoro, a seconda della durata del periodo, il mutuo può essere sospeso da 6 a 18 mesi. Per quanto riguarda le persone con disabilità o invalide, è necessario presentare il certificato rilasciato dall’apposita commissione istituita presso l’ASL che attesti il mutuatario come disabile grave ai sensi dell’art. 3, comma 3, legge 104/1992 oppure invalido civile dall’80% al 100%. Questa situazione deve essersi verificata successivamente alla stipula del contratto di mutuo e nei tre anni antecedenti la richiesta.

Per ottenere la sospensione del mutuo, chi è in possesso dei requisiti deve presentare domanda alla banca, che deve aver aderito all’iniziativa e quindi procedere in questo senso. 

Inoltre:

  • non è obbligatoria la presentazione dell’ISEE;
  • i mutui precedentemente ammessi alla garanzia del Fondo “Prima casa” possono accedere alla sospensione del pagamento delle rate;
  • non si tiene conto delle sospensioni già attivate su mutui per cui, al momento in cui viene presentata l’istanza, sia ripreso l’ammortamento delle rate per almeno 3 mesi.

Sospensione mutuo legge 104 negata

In risposta al quesito del lettore, non conosciamo i motivi del rifiuto della sua richiesta di  sospensione mutuo tramite il Fondo Gasparrini. A questo punto potrebbe prendere in considerazione un prestito da una società finanziaria, a seconda delle spese impreviste che deve affrontare. Oppure c’è anche la possibilità di ottenere un aiuto finanziario da un privato, ma regolamentato. Ossia un prestito realizzato tramite la collaborazione di un intermediario autorizzato, come le piattaforme di social landing. Ovviamente è necessario possedere determinate garanzie.

Se hai dubbi o vuoi porre una domanda di carattere previdenziale, fiscale e legge 104, invia qui il tuo quesito.