Alcune malattie della bocca sono altamente contagiose, alcune possono creare gravi problemi

Non sempre ricordiamo che esistono alcune malattie della bocca molto contagiose, ma dobbiamo prestare molta attenzione.

Esistono diversi gruppi di malattie che colpiscono il cavo orale, ma alcune di esse sono pericolose anche per altre parti del corpo. Ecco a quali dobbiamo stare molto attenti.

malattie della bocca
InformazioneOggi

Virus e batteri ci attaccano quotidianamente e a volte il nostro organismo non riesce ad eliminarli. Si sviluppano così le malattie, che a seconda del patogeno in oggetto vanno a colpire diverse zone del corpo, all’esterno o all’interno.

Oggi parliamo di alcune malattie della bocca che sono trasmissibili da persona a persona, e non solo: sono anche il sintomo di patologie gravi, cui dobbiamo stare ancora più attenti.

Quali sono le malattie della bocca più comuni

Tra le malattie del cavo orale più frequenti troviamo l’Herpes Labiale. Probabilmente a tutti noi è capitato di averlo almeno una volta nella vita, o di conoscere qualcuno che l’ha avuto. Anzi, secondo le indagini dell’Osservatorio Mondiale di Malattie Infettive, il 98% della popolazione ha contratto questa malattia.

L’Herpes Labiale è causato dal virus herpes simplex di tipo 1 (HSV 1) e dà sintomi e decorso facilmente riconoscibili. Infatti spuntano delle vescicole a forma di grappolo agli angoli della bocca, solitamente all’esterno ma può capitare che l’espansione arrivi alle zone interne. A seconda del soggetto, l’evento può essere doloroso e durare da pochi giorni a un mese. La contagiosità di questo virus è altissima, e anche “subdola”. Quando non è ancora comparso il grumo di vescicole può già contagiare. Inoltre, quando le sacche di liquido si rompono durante il processo di guarigione sono ancora più contagiose.

Fortunatamente la malattia non è grave e può essere curata facilmente, anche se durante la fase acuta dobbiamo proteggere gli altri evitando contatti diretti o indiretti (con oggetti di uso quotidiano come posate, bicchieri e asciugamani). Il virus dell’Herpes, infine, rimane “dormiente” nell’organismo per tutta la vita e si può manifestare svariate volte. Succede quando le difese immunitarie si abbassano, ma anche in momenti di stress psico-fisico o se sono in atto altre malattie che affaticano le difese.

La Mononucleosi, chiamata anche “malattia del bacio” è un’altra infezione molto frequente, soprattutto nei giovani. È causata dal virus di Epstein-Barr e il contagio avviene tramite la saliva. Dunque anche un semplice scambio di oggetti (un bicchiere ad esempio) tra una persona infetta e una sana fa spargere la malattia.

Il decorso è piuttosto lungo e complicato, infatti i primi sintomi solitamente compaiono anche dopo un mese. La malattia porta tutto l’organismo ad uno stato generale di debolezza e si innesca la linfoadenopatia, ovvero il rigonfiamento di tutti i linfonodi. Per diagnosticare l’infezione ci vuole un esame specifico. Infatti tra gli altri sintomi compaiono febbre e inappetenza, che potrebbero essere scambiati per quelli di una comune influenza.

Le malattie dei più piccoli

Tra i soggetti ancora più giovani, infine, è molto frequente la malattia mano-piede-bocca, che come suggerisce il nome si diffonde in diverse parti del corpo. È causata dal virus Coxsackie A16 che si diffonde con la saliva o con le feci. Negli ambienti come le scuole e asili è molto facile che contagi tutti i bambini, visto che sono soliti toccare tutto e poi portare le manine alla bocca. Per fortuna non si tratta di una malattia grave, i casi di complicazioni sono rarissime, e i colpiti guariscono da soli senza alcuna terapia se non quella lenitiva dei sintomi.

Un mito da sfatare riguarda poi le infezioni della bocca che portano a sviluppare carie dentali e parodontite. Sebbene in una condizione orale compromessa si sviluppino molti batteri, essi non vanno a contagiare altri soggetti, nemmeno con contatto diretto (baci o scambio di oggetti). Non sono comunque malattie da sottovalutare, poiché è stato dimostrato che le infezioni che perdurano a lungo all’interno della bocca possono compromettere persino la salute del cuore.

Le infezioni trasmissibili sessualmente che colpiscono anche la bocca

Parlando di malattie a carico del cavo orale possono venire in mente quelle appena sopra citte. Purtroppo, alcune gravi malattie trasmissibili sessualmente si manifestano anche nella bocca. Saperle riconoscere può evitare il contagio. L’unico modo per evitare il diffondersi di talune malattie è quello di usare il preservativo e avere rapporti protetti soprattutto con i partner occasionali.

Una di queste è la Sifilide. Probabilmente siamo portati a pensare che sia una malattia “scomparsa”, invece non è debellata e riappare a ondate in tutto il mondo. Fortunatamente ad oggi può essere trattata con Penicillina o simili ma è pur sempre una malattia grave che dà molti disagi.

Le lesioni date dalla Sifilide si manifestano all’inizio negli organi genitali, ma i rapporti orali possono trasferirle anche nella bocca. Le fasi della malattia si differenziano per i sintomi/gravità, ma se non curati possono portare a gravi complicanze, e persino a danni neurologici. La difficoltà sta proprio nel riconoscere la manifestazione a carico della bocca. La Sifilide causa ulcere molto simili alle comuni “afte”, ecco perché è pericolosa.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il Papilloma Virus è un altro di quelli che si trasmettono sessualmente, e tra i vari ceppi ne esistono alcuni che provocano malattie alla bocca. Questi virus sono pericolosi perché ci si contagia appunto con i rapporti orali, molto più difficili da proteggere coi mezzi come il preservativo. L’HPV orale, però, se non tempestivamente individuato può portare allo sviluppo di tumori alla gola. Sfortunatamente, molti soggetti non manifestano sintomi e spesso trascorrono degli anni prima che si accorgano della malattia. Ecco perché l’unico modo per proteggersi è prestare attenzione ai rapporti col partner.