Pellet costoso, occhio all’alternativa: sorprende la novità innovativa

Sono in tanti ad impiegare come fonte di riscaldamento il pellet, il cui costo però è cresciuto, ma occhio all’alternativa: di cosa si tratta e dettagli

È sempre più impiegato il pellet nel corso degli ultimi anni, una fonte di riscaldamento usata da molti il cui prezzo però è salito molto, pur se infiorare a quello del gas: spunta un’alternativa, ecco i dettagli di tale soluzione, i particolari di tale novità.

pellet alternativa
canta

Si tratta di una soluzione che giunge dal Canada e potrebbe portare cambiamenti rispetto al passato, dal momento che ciò che si impiega è la canapa, quale combustibile. E magari potrebbe trattarsi anche di una svolta rispetto al settore del riscaldamento.

A parlarne nel relativo approfondimento è Solofinanza.it, e si legge, come molti già sapranno, che il pellet era tra i combustili meno costosi sul mercato. Ciò, prima che si verificassero gli aumenti dei prezzi. Così come tutti i vari aspetti economici, che purtroppo si stanno vivendo, legati all’inflazione e alla crisi.

Elementi che hanno portato ad una minor riserva di gas naturale, ad un costo energetico più alto, e alle difficoltà circa i settori produttivi.

Si legge che i maggiori fornitori di pellet italiani hanno optato per tener le scorte del materiale in questione soltanto per uso interno. Al fine di evitare che le persone fossero costrette a trascorrere al freddo i mesi dell’inverno. In assenza di accesso ad un tot. sufficiente di gas.

Pellet costoso alternativa: la canapa dal Canada

Sono tanti e diversi gli elementi che destano attenzione quando si parla di riscaldamento e di materiali quale ad esempio il pellet: anche in ottica eventuali truffe, ecco a cosa stare attenti in tal caso e dettagli.

Tornando però al punto in oggetto approfondito da Solofinanza.it, come detto una soluzione  al pellet costoso, un’alternativa, potrebbe esser rappresenta dalla Canapa. Una soluzione proveniente dal Canada e che potrebbe portare grossi novità.

Nel dettaglio, si legge che la canapa risulterebbe esser maggiormente produttiva e garantirebbe un num. maggiore di riserva di pellet in un lasso di tempo non troppo ampio. Viene spiegato che pellet di questo tipo in Italia non ve ne è molto, ovvero non vi è grande diffusione.

Ma si starebbe iniziando l’esportazione in Canada, proprio del pellet a base di canapa. Tanto negli States quanto in Europa. Rispetto a tale prodotto, la coltivazione avviene in terreni prevalentemente a clima caldo ed umido. Dopo la crescita, si ricava il gambo dalla pianta. Questo sarà lavorato, andando a lasciare semi e fiori da parte a seccare per qualche mese.

Poi, il passaggio alla segatura, che si pressa al fine di dar forma ai piccoli cilindri.

Pellet canapa, quali vantaggi?

Per quanto attiene ai vantaggi della canapa, viene spiegato che anzitutto un punto si lega alla crescita in un breve lasso periodo. La pianta sarebbe pronta già dopo cinque mese. Rispetto agli alberi, da cui è possibile ricavarne la segatura, occorrono cinque anni di tempo e più per crescere.

Altro vantaggio si legherebbe non soltanto alla capacità di riscaldare, ma anche rispetto alla questione ambientale. Nel dettaglio, l’impatto sull’ambiente sarebbe minimo nel corso della vita del prodotto. La lavorazione del prodotto avviene, si legge, senza usare resine o prodotti di tipo chimico.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La cenere che se ne produce dopo la combustione si può impiegare quale concime. Dunque tale soluzione potrebbe rappresentare una alternativa efficiente rispetto a questioni produttive, di lavorazione. E circa lo smaltimento. Quella impiegata, spiega Solofinanza.it, avrebbe il THC inferiore allo 0,2.