Libretto di famiglia INPS con grandissimi vantaggi: tutte le informazioni per il corretto utilizzo

Il libretto di famiglia INPS è uno strumento con innumerevoli vantaggi, ma chi può beneficiarne? Scopriamolo

Il libretto di famiglia è un particolare strumento per pagare un lavoratore che svolge prestazioni aventi carattere saltuario o occasionale. Ecco un breve vademecum con ciò che serve sapere per usarlo. Forse non tutti sono al corrente dell’esistenza del cosiddetto libretto di famiglia per la retribuzione delle prestazioni rientranti in una specifica categoria.

libretto famiglia
pixabay

E’ uno strumento espressamente previsto dal legislatore e che trova fondamento e disciplina nel decreto legge n. 50 del 2017 (art. 54-bis).

Non tutti i lavoratori e non tutti i datori di lavoro possono usufruirne in quanto le regole di applicazione sono ben precise, e circoscrivono i casi concreti in cui il libretto di famiglia entra in gioco. Nel corso della sintetica guida pratica che segue daremo tutte le informazioni basilari su questo pratico strumento. I dettagli.

>> In arrivo maxi sanzioni anche per il Libretto Famiglia, la nota dell’Ispettorato non lascia alcun dubbio

Che cos’è il libretto di famiglia in breve

Spiegare di fatto in che cosa consiste il libretto famiglia non è complesso. Si tratta di un strumento INPS mirato a pagare prestazioni di lavoro occasionale o saltuario, perciò la sua applicazione ricorre espressamente in queste circostanze. Dal punto di vista tecnico consiste in un libretto nominativo prefinanziato, formato da titoli di pagamento, vale a dire i cosiddetti voucher, del valore di 10 euro ciascuno.

Come accennato in apertura, è l’art. 54-bis, comma 10, D.L. n. 50 del 2017, a disporre che ogni utilizzatore possa comprare un libretto nominativo prefinanziato, avente il nome di “libretto di famiglia”, per assegnare il corrispettivo per una prestazione di lavoro.

Il libretto di famiglia viene usato da soggetti privati tipicamente per retribuire baby sitter, colf e badanti, ripetizioni e per dare un compenso per piccoli lavori domestici. Ci riferiamo dunque ad attività come quelle che seguono:

  • assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità;
  • servizi di baby-sitting;
  • lavori di giardinaggio, di pulizia o di manutenzione;
  • insegnamento privato supplementare;
  • limitatamente alle società sportive, le attività previste dalla legge ed attinenti all’organizzazione e servizio degli steward negli impianti sportivi.

Si può ben intuire che i margini di applicazione pratica del libretto famiglia sono dunque piuttosto ampi.

Chi fa ricorso al ricorso al libretto famiglia per retribuire i lavoratori

Dal punto di vista pratico è un libretto nominativo, da aprire sulla piattaforma web dell’Inps, cui possono fare riferimento:

  • le persone fisiche, ma non nell’esercizio dell’attività professionale o di impresa, per beneficiare di prestazioni occasionali;
  • le società sportive di cui alla L. 91/1981, recante norme in materia di rapporti tra società e sportivi professionisti.

Non possono avvalersi di detto libretto i liberi professionisti, i lavoratori autonomi, gli imprenditori, le associazioni o le fondazioni e altri enti di natura privata, ed anche le PA. Nei loro confronti si applica infatti il ben noto contratto di prestazione occasionale.

Una importante distinzione in materia

Lo ribadiamo per chiarezza: l’applicazione del libretto di famiglia non è ‘trasversale’. Infatti consiste in concreto in uno strumento nominativo prefinanziato, che consente ai soggetti citati di pagare attività lavorative saltuarie – effettuate per proprio conto da lavoratori occasionali. In base alle norme che lo regolano:

  • le persone che acquistano il libretto di famiglia sono detti ‘utilizzatori’,
  • le persone che effettuano la prestazione occasionale sono detti ‘prestatori’.

In particolare le prestazioni di lavoro occasionale possono essere compiute da disoccupati, pensionati, lavoratori, studenti e soggetti che incassano prestazioni di sostegno del reddito e del salario. Compresi dunque nell’elenco i beneficiari del reddito di cittadinanza, e delle indennità di disoccupazione. Anche questa precisazione torna utile per capire come funziona il concreto questo libretto.

Modalità di utilizzo del libretto famiglia

Attenzione al seguente dettaglio, in quanto fondamentale per usufruire di questo strumento: prima della prestazione occasionale o avente carattere di saltuarietà, all’interno della piattaforma Inps hanno l’obbligo di registrarsi sia il datore di lavoro, vale a dire l’utilizzatore, sia il prestatore di lavoro, che è peraltro obbligato ad aggiungere anche i dati personali allo scopo di conseguire l’accredito del compenso dall’Inps.

Il Libretto è formato da buoni del valore nominale di 10 euro, da sfruttare per retribuire attività di lavoro di durata non maggiori di un’ora – d’altronde si tratta di attività saltuarie o occasionali (ad es. la manutenzione di un giardino). Nel dettaglio il costo all’ora, per il datore di lavoro, corrisponde a 10 euro minimi, costituito dalla somma delle voci che seguono:

  • compenso uguale a 8,00 euro;
  • contributi Inps corrispondenti a 1,65 euro;
  • assicurazione infortuni pari a 0,25 euro;
  • spese di gestione uguali a 0,10 euro.

Perciò se è vero che i titoli di pagamento del libretto di famiglia sono caratterizzati da un valore nominale di 10 euro, la cifra di fatto erogata al lavoratore è uguale a 8 euro.

Ulteriori precisazioni sul libretto famiglia

Rimarchiamo che l’utilizzatore acquista il libretto con:

  • versamenti tramite F24 modello Elide, con causale LIFA;
  • o attraverso il “Portale dei pagamenti” Inps.

Egli poi utilizza i voucher Inps da 10 euro per pagare il prestatore. Mentre l’Inps, entro il 15 del mese posteriore a quello della prestazione occasionale o saltuaria, paga direttamente i compensi pattuiti al prestatore di lavoro. Il versamento della somma si compie con le modalità indicate dal lavoratore alla data della registrazione.

Lo strumento in oggetto è dunque erogato dall’Inps, ma – lo ribadiamo – soltanto dopo l’avvenuta registrazione dell’utilizzatore e del prestatore sul portale web dell’istituto di previdenza (area prestazioni e servizi > prestazioni di lavoro occasionale: libretto famiglia). Con riferimento al libretto famiglia sussistono specifici limiti economici riferiti ai compensi percepiti dai prestatori, mentre i compensi incassati dal prestatore non incidono sul suo status di disoccupato e sono esenti da tassazione ai fini Irpef.

Infine, per ogni ulteriore chiarimento a riguardo, rinviamo alla pagina web ad hoc sul sito dell’Inps, che tratta infatti nel dettaglio lo strumento del libretto famiglia.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news