Il tuo Partner è un bugiardo patologico? Scoprilo da questi 5 segnali

Potremmo vivere una relazione anche da tempo e non sospettare mai di avere un bugiardo patologico come partner. Ecco come capirlo.

Esistono purtroppo alcune persone che mentono per “abitudine”. Li chiamano bugiardi seriali, o patologici. Il nostro partner potrebbe essere uno di loro, ma possiamo scoprirlo.

bugiardo patologico
Canva

Una relazione ideale è creata sulla base di rispetto reciproco, oltre che di attrazione e feeling mentale. Quando uno di questi fattori è “compromesso”, l’equilibrio salta e potremmo veder finire la storia in men che non si dica.

In questo articolo ci soffermiamo sull’onestà e la trasparenza, e spieghiamo come – secondo gli esperti – possiamo capire se il nostro partner ci mente. E soprattutto se lo fa in modo continuativo e “compulsivo“.

Cosa significa bugia patologica?

Quando parliamo di bugie patologiche non ci riferiamo solamente a quelle perpetrate per un tradimento. Anzi, a volte chi mente “per abitudine” lo fa anche senza voler danneggiare l’altro. Si tratta di un meccanismo psicologico che secondo gli esperti nasce da diverse matrici e serve al soggetto per ottenere svariati “vantaggi”.

Ad esempio, chi contraffà la realtà continuativamente probabilmente è perché ha necessità di crearsi un personaggio migliore. Di farsi vedere più forte davanti agli altri, e quindi anche agli occhi del partner. Oppure semplicemente perché si diverte, perché mentire dà adrenalina e dunque dipendenza. O ancora, perché desidera avere tutto sotto controllo.

Anche se non c’è la volontà precisa di ferire il partner, però, si tratta sempre di comportamenti che indicano che c’è qualcosa che non va. La cosa migliore da fare, in alcuni casi, è rivolgersi a degli esperti terapeuti, ma possiamo anche comprendere in autonomia se il nostro partner ci nasconde qualcosa. Ecco come, grazie ai consigli degli esperti.

Il tuo Partner è un bugiardo patologico? Scoprilo da questi 5 segnali

Come anticipato all’inizio dell’articolo, le relazioni sane tra le persone si basano sulla fiducia. Se questa viene a mancare, c’è il rischio di una rottura profonda, a volte insanabile. Ma possiamo capire se il nostro partner appartiene alle persone che mentono per qualche motivo preciso e, attraverso il dialogo, risolvere la problematica.

Il primo segnale a cui prestare attenzione è il variare dei particolari di un racconto. Certo nessuno di noi è in grado di ricordare ogni minimo dettaglio di ogni cosa. Ma se il partner, esponendo una storia, cambia continuamente “versione”, significa che sta tentando di “aggiustarla”. Chi mente, infatti, dura molta fatica a ricordare le sue stesse bugie. E dunque cade in errore.

Sempre sui dettagli, però, dobbiamo porre molta attenzione. Secondo gli psicologi, infatti, il mentitore seriale produce un racconto molto particolareggiato. Lo fa per renderlo più verosimile. Ciò può verificarsi, come detto, non solo per nascondere un tradimento. Le persone bugiarde patologiche lo fanno anche solo per rendere interessanti se stessi o alcuni fatti della loro vita.

Per scoprire un bugiardo seriale possiamo fare così: “metterlo con le spalle al muro”. Se poniamo la persona di fronte alla verità, o se mettiamo in discussione le loro storie, molto probabilmente andrà in crisi. E la sua reazione sarà molto eloquente. Si metterà sulla difensiva e potrebbe anche recitare la parte della vittima. Se ciò non basta, arriva anche ad aggredire verbalmente, perché non ha le argomentazioni veritiere a cui aggrapparsi.

Secondo gli esperti, chi mente lo fa anche e soprattutto per attirare l’attenzione. Ci sono persone che si fingono malate, o esasperano un problema di salute, per ricevere conforto. Altre che mentono o minimizzano eventuali insuccessi per non sfigurare. Altri ancora per vantarsi di cose che non hanno mai fatto. Se notiamo questo genere di comportamento, soprattutto in forma continuativa, è molto probabile che siamo di fronte ad un bugiardo patologico.

Infine, gli esperti ci ricordano che un mentitore seriale spesso non si rende nemmeno conto di esserlo. Anche se messi di fronte alla verità, potrebbero non capire cosa stia succedendo. Chi mente per abitudine deve convincere prima se stesso, e ciò alla fine gli fa davvero credere che le cose stiano come dice lui. Un bugiardo seriale non mostra, infine, sensi di colpa o dispiacere, e vi è anche una negazione del problema.

Dunque, se riconosciamo uno o più atteggiamenti di questo tipo nel nostro partner, meglio “correre ai ripari”. Il dialogo è certamente il primo mezzo da sfruttare, ma se non fosse sufficiente possiamo farci aiutare da esperti psicoterapeuti.

(le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e riguardano studi scientifici o pubblicazioni su riviste mediche. Pertanto, non sostituiscono il consulto del medico o dello specialista, e non devono essere considerate per formulare trattamenti o diagnosi)

Impostazioni privacy