Differenza tra Pellet: Canapa e Nocciolino, le alternative economiche ancora poco conosciute

La differenza tra Pellet, Pellet di Canapa e Nocciolino è principalmente di tipo economico. In Italia, per risparmiare, si cominciano a valutare le alternative.

Grazie a Internet oggi possiamo trovare numerose informazioni, anche se vanno vagliate attentamente. E scoprire alcune alternative più economiche al classico Pellet.

Pellet di Canapa e Nocciolino
Canva

Le notizie quotidiane non sono molto rassicuranti, per quanto riguarda il prossimo inverno. I Governi stanno ancora “litigando” su tetti al prezzo del gas, aiuti e razionamenti. I cittadini invece, pensano a come risparmiare sul riscaldamento.

A Milano e in altre città i Sindaci stanno già prendendo i primi provvedimenti. L’accensione dei termosifoni slitta alla fine di ottobre. Per fortuna che al momento ci sono temperature al di sopra della norma. Ma, intanto, si taglia.

Come se non bastasse, diventa sempre più insistente la “preparazione” della popolazione ai lockdown energetici. Qualcosa che fino a pochi mesi fa era impensabile, addirittura di stampo distopico, si sta materializzando sotto i nostri occhi.

I Governi hanno già diversi piani di emergenza, pronti a sfoderarli nei mesi più duri dell’inverno. Distacchi programmati di elettricità, tra dicembre e gennaio, e persino stop alle attività industriali. Lo scenario è davvero inquietante.

Nel mentre, le persone continuano a ricevere bollette esorbitanti. Devono fare i conti con un’inflazione che ormai è al 10%. Tagliare i consumi, risparmiare, non-fare insomma.

Ma l’inverno non starà certo ad aspettare le decisioni dei Governi o della UE. Tra poco farà freddo e le persone dovranno scaldarsi senza dover scegliere se pagare il combustibile oppure fare la spesa. In questo scenario da incubo fortunatamente spuntano delle alternative.

Differenza tra Pellet, Pellet di Canapa e Nocciolino, le alternative economiche ancora poco conosciute

Anche se il prezzo del Pellet è praticamente raddoppiato, gli esperti assicurano che si tratti di un sistema ancora vantaggioso per scaldarsi. Ovviamente per chi possiede già una stufa capace di bruciarlo. Perché adesso anche comprarne una non molto semplice. Nonostante alcuni incentivi da sfruttare, chi desidera passare al Pellet deve investire diverse migliaia di Euro. Inoltre non tutti possono adottare questo sistema, per ovvie ragioni tecniche.

Chi però ha una stufa a Pellet sta cercando il modo per risparmiare. Al momento, esistono due alternative. Il Pellet di Canapa e il Nocciolino. Cosa sia il Pellet classico lo sappiamo: cilindretti di combustibile ricavati da scarti di legna non trattata.

Il Pellet di Canapa, anche se simile, deriva dalla lavorazione del gambo della canapa, che viene trasformato per diventare combustibile. Se qui in Italia è da poco che cominciamo a sentirne parlare, in Canada è molto usato. Si rivela più economico perché produrlo costa di meno. Infatti il legname da cui poi proviene il Pellet deve “crescere” per almeno 5 anni. La Canapa raggiunge invece la sua maturazione in pochi mesi.

Chi desidera trovare Pellet di Canapa può cercare in rete. Anche se nel nostro Paese non viene prodotto, alcune aziende stanno già pensando di entrare in questo nuovo mercato. Nel mentre possiamo acquistarlo in molti marketplace, a prezzi abbastanza convenienti.

Lo stesso discorso vale per il Nocciolino. Come si evince dal nome, questo tipo di bio-combustibile deriva dai noccioli di oliva (o altro), ed è adatto per produrre calore. Non è però pellettizzato e si presenta con una consistenza granulare.

Chi ha una stufa a Pellet può valutare senza dubbio di passare a questi altri tipi di combustibile, ma ci vuole accortezza. Infatti per poterli bruciare è necessario effettuare alcune modifiche al braciere o alla ventola della stufa.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Dunque le alternative economiche esistono, e molto probabilmente in futuro avremo più scelta e prezzi più accessibili. Ma prima di passare al Pellet di Canapa o al Nocciolino è bene informarsi col proprio installatore, per verificare se la stufa è idonea.