Pensione: a dicembre cifre elevate grazie ad aumenti e tredicesima, ma non per tutti

A dicembre la pensione di molti italiani subirà degli incrementi. Ma ad alcuni pensionati non spettano gli aumenti né la tredicesima. Per quale motivo?

Negli ultimi mesi del 2022, gli importi della pensione di molti contribuenti saranno interessati da alcuni aumenti.

pensione
Foto Canva

Innanzitutto, da ottobre è partita la rivalutazione anticipata del 2%, sancita dal Governo Draghi, per combattere l’impennata dell’inflazione e tutelare il potere d’acquisto delle pensioni. L’obiettivo primario, infatti, è quello di aiutare gli italiani colpiti dall’aumento dei prezzi e dai costi dell’energia.

Ad ottobre, l’incremento della pensione ha riguardato gli assegni con un ammontare minore di 2.692 euro. Nello specifico, i trattamenti di mille euro sono aumentati di 20 euro, quelli di 1.500 euro hanno ricevuto una maggiorazione di 30 euro ed, infine, gli assegni di 2 mila euro sono cresciuti di 40 euro.

Nel mese di novembre, invece, saranno versati i soldi relativi al conguaglio della perequazione 2021 dello 0,2% ed il Bonus 150 euro. Quest’ultimo spetta ai pensionati che, per il 2021, hanno dichiarato un reddito non maggiore di 20 mila euro.

Infine, a dicembre, le pensioni si innalzeranno per effetto della tredicesima mensilità. Ci sono, però, degli esclusi. Procediamo con ordine e vediamo di chi si tratta.

Per ulteriori aggiornamenti, consulta il seguente articolo: “Tredicesima con sorpresa a dicembre: chi scarterà il regalo“.

Pensione: gli importi della rivalutazione

Gli incrementi degli assegni pensionistici non riguarderanno tutti. Innanzitutto, la maggiorazione si riferisce alle pensioni con un importo inferiore a 2.692 euro lordi al mese. Chi supera tale limite, dunque, non riceverà il 2% della rivalutazione anticipata, ma soltanto lo 0,2% a titolo di conguaglio 2021, seppur in misura ridotta.

La rivalutazione della pensione, dunque, segue i seguenti criteri:

  • adeguamento del 100% per gli assegni di importo fino a tre volte il trattamento minimo;
  • maggiorazione del 97% per le pensioni fino a quattro volte il trattamento minimo;
  • adeguamento del 77% per gli importi superiori e fino a cinque volte il trattamento minimo;
  • adattamento del 52% per le pensioni da cinque a sei volte il minimo;
  • adeguamento del 47% per i trattamenti da sei a otto volte il trattamento minimo;
  • adeguamento del 45% per le pensioni tra otto e nove volte il minimo;
  • adattamento del 40% per gli assegni superiori alle nove volte il trattamento minimo.

È bene ricordare che, per il 2022, l’ammontare della pensione minima è di 523,83 euro.

Anche l’erogazione del nuovo Bonus di 150 euro non spetta a tutti i pensionati. L’accredito diretto sul cedolino di novembre, infatti, riguarderà solo coloro che hanno un reddito 2021 fino a 20 mila euro.

Potrebbe interessarti anche il seguente articolo: “Pagamento bonus 150 euro ai lavoratori e pensionati: la data ufficiale“.

Tredicesima a dicembre: chi ne ha diritto?

La rivalutazione interesserà anche la tredicesima di dicembre; in tale mese, dunque, la pensione sarà più alta. L’aumento è riservato ai percettori (INPS o di altro Ente previdenziale) della pensione di vecchiaia, della pensione di reversibilità, della pensione ai superstiti, della pensione anticipata o delle prestazioni assistenziali (ad esempio, gli invalidi civili).

L’ammontare della tredicesima è uguale all’ultima rata della pensione percepita, per coloro che sono pensionati di lungo corso o chi è andato in pensione da gennaio 2022.

L’importo, invece, è ridotto per i pensionati che hanno effettuato l’accesso alla pensione nell’ultimo anno. La cifra spettante viene calcolata moltiplicando la quota della pensione mensile per i mesi da pensionato ed, infine, dividendo il totale per 12 mesi.

Un esempio più aiutare a comprendere il meccanismo. Su un assegno pensionistico di 1.400 euro al mese, percepito a partire dal mese di maggio 2022, la tredicesima parziale scaturisce moltiplicando l’importo del trattamento per i mesi da pensionato (dunque, 1.400 x 8 mesi). Il risultato (11.200 euro) deve essere diviso per 12 mesi. Si otterrà, quindi, 933 euro di tredicesima (al lordo delle ritenute IRPEF).

Ma chi sarà escluso dalla corresponsione della tredicesima del mese di dicembre? Due categorie di soggetti:

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
  1. i titolari dell’indennità di accompagnamento. Ad essi è negata anche l’erogazione del Bonus 50 euro;
  2. i beneficiari dell’indennità di frequenza.