Il rinnovo della patente a 50 anni non sarà più lo stesso: è cambiato tutto

Il rinnovo della patente superati i 50 anni avverrà in maniera differente rispetto ai precedenti. Scopriamo le novità del Codice della Strada. 

Gli automobilisti devono essere aggiornati sui cambiamenti riguardanti il rinnovo della patente per non ritrovarsi senza la possibilità di guidare.

rinnovo patente
Adobe Stock

La patente ha una data di scadenza da rispettare. Superandola anche di un giorno non si potrà più guidare la macchina o il mezzo per cui si dispone della patente. Capita spesso che l’automobilista si dimentichi del rinnovo non ricevendo alcun avviso che ricorda la scadenza. Deve, così, mettere da parte ogni impegno per correre – a piedi naturalmente – a richiedere il rinnovo. Ma quale documentazione occorre presentare? Servono le fototessere nuove? E quanto costa rinnovare la patente? Recandosi in un’agenzia apposita con la vecchia patente e una fototessera si potrà sbrigare la pratica in un giorno o due spendendo all’incirca un centinaio d’euro (l’importo preciso dipenderà dalla città di residenza e dall’agenzia a cui ci si rivolge). Una veloce visita medica, il pagamento e il gioco è fatto. Attenzione, però, a chi ha compiuto 50 anni. Le direttive sono diverse e non sempre note.

Rinnovo della patente a 50 anni, cosa occorre sapere

Gli automobilisti di età compresa tra 50 e 70 anni devono innanzitutto ricordare che il rinnovo della patente non dovrà avvenire ogni 10 anni bensì ogni 5 anni. Dai 70 agli 80 anni, invece, è previsto ogni 3 anni. Questo è un aspetto che molti ignorano e che può comportare sanzioni pesanti in caso di dimenticanza.

Altro dato importante è che la patente può essere rinnovata fino a 4 mesi prima della scadenza. Si avrà tutto il tempo, così, di sbrigare la pratica senza rischiare di rimanere neanche un giorno senza la possibilità di guidare. Gli automobilisti con più di 50 anni dovranno, così come tutti gli altri patentati, sottoporsi ad una visita medica presso l’ASL di competenza territoriale oppure dal medico delle Ferrovie o dei Vigili del Fuoco. Il dottore dovrà accertare che la persona che richiede il rinnovo soddisfi tutti i requisiti psicofisici per poter guidare. Chiederà patologie pregresse e l’utilizzo o meno di occhiali e lenti a contatto.

Altri dettagli sulla procedura da seguire

Al momento della richiesta di rinnovo occorrerà presentare la patente scaduta o in scadenza, il documento di identità e il codice fiscale. Verrà richiesto di pagare dei bollettini Pagopa  – a meno che non sbrighi la pratica un’agenzia specializzata – e di fornire una fototessera.

In attesa che arrivi la patente nuova verrà rilasciato un certificato che permetterà di guidare senza rischiare sanzioni per 60 giorni.

Impostazioni privacy