Nuova ondata di Bonus e agevolazioni in arrivo con il Decreto Aiuti Ter

I cittadini potranno contare su un nuovo carico di Bonus e agevolazioni grazie al Decreto Aiuti Ter che a breve dovrebbe essere ufficializzato.

Il Governo ha approvato il DL Aiuti Ter, ora si attende il testo definitivo e la conferenza stampa per la definizione dei dettagli.

Bonus agevolazioni Decreto Ter
Adobe Stock

Dopo il Decreto Aiuti Bis è stato approvato il Decreto Aiuti Ter con un nuovo carico di bonus, agevolazioni e interventi volti a sostenere i cittadini contro l’inflazione. Nello specifico, le misure del DL accettato ieri, 16 settembre 2022, dal Consiglio dei Ministri vuole aiutare famiglie e imprese a combattere il caro-bollette e realizzare i piani del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza avvalendosi di una dotazione finanziaria di 14 miliardi di euro. I dettagli potremo conoscerli durante la conferenza di Mario Draghi ma, al momento, possiamo anticipare l’arrivo di un Bonus del valore di 150 euro per lavoratori dipendenti, pensionati, lavoratori autonomi, collaboratori sportivi, addetti al mondo dello spettacolo e così via. Dovrebbe essere un “copia e incolla” del Bonus 200 euro nonostante l’applicazione di qualche modifica.

Bonus e agevolazioni in arrivo, approfondiamo gli aiuti

La bozza del Decreto Aiuti Ter rivela l’arrivo di un Bonus da 150 euro rivolto ai cittadini con reddito annuo imponibile inferiore a 20 mila euro ossia 1.538 euro al mese. Rispetto alla misura una tantum da 200 euro, dunque, cambia sia l’importo erogato che il limite reddituale (abbassato da 35 mila a 20 mila euro).

Gli aiuti per le famiglie, però, non si fermeranno qui. In previsione c’è un’allargamento della platea dei beneficiari del Bonus sociale per lo sconto in bolletta. L’ISEE dovrebbe passare dall’attuare limite di 12 mila euro a quello di 15 mila euro in modo tale da permettere il sostegno a più nuclei familiari schiacciati dai rincari. In più si parla della rateizzazione delle bollette fino a 7 mesi per ridurre gli oneri di famiglie, imprese e autonomi.

Altri dettagli del DL Aiuti Ter

Dalla bozza emerge la possibilità di introduzione di nuove tranche di settimane di cassa integrazione scontata per le imprese maggiormente colpite dall’aumento dei costi dell’energia elettrica, le aziende energivore e gasivore. Stesso aiuto per le imprese siderurgiche, automotive, della lavorazione del legno, della ceramica e le agroindustrie che hanno beneficiato di periodo aggiuntivi di integrazione salariale fino al mese di maggio 2022.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Inoltre, la Cisl ha proposto una cassa integrazione rivolta alle aziende che non licenziano ritornando ad un sostegno attuato durante la pandemia da Covid 19. Restando nell’ambito delle imprese, poi, il DL prorogherà quasi certamente i crediti d’imposta sui costi delle bollette. In più, dovrebbe essere definito un prezzo calmierato per il gas quanto meno per le aziende che maggiormente hanno risentito dell’incremento dei costi (siderurgiche, della ceramica e così via).