Bonus 200 euro, aspettative deluse per gli italiani: addio alla proroga

Il Bonus 200 euro non verrà prorogato per i prossimi mesi. La misura rimarrà una tantum con grande delusione da parte dei cittadini.

L’illusione di ottenere 200 euro in più fino a settembre o addirittura a dicembre è svanita nel nulla. Sono altre le novità introdotte dal DL Aiuti Bis.

Bonus 200 inclusi
Adobe Stock

Il Governo dimissionario ha deciso di inserire nel Decreto Aiuti Bis misure diverse dalla proroga del Bonus 200 euro per aumentare le entrate degli italiani. A conti fatti, piuttosto che il nuovo taglio del cuneo fiscale o la rivalutazione anticipata delle pensioni sarebbe stato preferibile continuare a ricevere i 200 euro aggiuntivi per qualche mese. Gli interventi sostitutivi, infatti, risultano poco efficaci comportando aumenti di 20 euro sulle retribuzioni medie e di 10 euro sulla pensione minima. Ormai i giochi sono fatti e i beneficiari dovranno accontentarsi di quanto già ricevuto o della somma che riceveranno entro ottobre. Il Decreto, però, ha introdotto alcune novità sulla misura. Nello specifico, ha ampliato la platea dei beneficiari includendo categorie inizialmente escluse.

Bonus 200 euro, le ultime novità

Nessuna proroga ma un inserimento di nuove categorie nella lista dei beneficiari del Bonus una tantum. I 200 euro verranno erogati ai precari come i docenti con scadenza del contratto lo scorso 30 giugno 2022 e ai collaboratori sportivi che hanno beneficiato di almeno un’agevolazione prevista in seguito alla pandemia. Quest’ultimi non dovranno inoltrare domanda di accesso. L’erogazione avverrà automaticamente e se ne occuperà Sport e Salute Spa accedendo ad un fondo di 30 milioni di euro.

Al vaglio dell’esecutivo, poi, la proposta di inserire tra i beneficiari i dottorandi e gli assegnisti di ricerca nonché i cittadini che sono andati in pensione dallo scorso 1° luglio 2022. La vera novità riguarda, però, i grandi esclusi dal Bonus 200 euro appartenenti alla categoria dei lavoratori dipendenti che potranno, ora, ricevere la somma.

Lavoratori dipendenti, chi potrà accedere alla misura

Tra il mese di luglio e quello di agosto riceveranno i 200 euro in busta paga i lavoratori dipendenti con stipendio mensile inferiore a 2.692 euro per tredici mensilità con reddito annuo inferiore a 35 mila euro. Altra condizione necessaria l’aver beneficiato dello sgravio contributivo dello 0,8% nel primo semestre 2022. Con il Decreto Aiuti Bis – qui tutte le misure introdotte – quest’ultimo requisito cade consentendo a tanti cittadini di ricevere la prestazione ma solamente con la busta paga di ottobre (al pari dei lavoratori autonomi, dei lavoratori dello spettacolo, dei venditori porta a porta e dei disoccupati Naspi, Dis-COLL e agricoli) e previo invio dell’autocertificazione.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

A ricevere la misura saranno, dunque, i lavoratori assenti per congedo di maternità, per malattia di un figlio, per malattia o infortunio, per congedi parentali e i lavoratori in cassa integrazione. Si tratta dunque, dei dipendenti interessati da eventi con copertura di contribuzione figurativa integrale da parte dell’INPS.