In asta un BOT a 6 mesi: ecco le caratteristiche di questo titolo di Stato, il tempo sta per scadere

Il ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato il calendario dell’asta di un BOT a 6 mesi. Ecco le caratteristiche del titolo.

Oggi 26 luglio 2022 termina la presentazione da parte del pubblico di un BOT a 6 mesi. Il ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) ha pubblicato il calendario sul proprio sito.

bot
Canva

I Buoni ordinari del tesoro (BOT) sono titoli di Stato con breve scadenza. Di solito, a 3, a 6 o a12 anni. Sono titoli emessi dal governo. Come gli altri titoli servono a finanziare il debito pubblico. Ma tra BOT o libretto postale quale conviene di più? La differenza è incredibile.

In asta un BOT a 6 mesi: ecco le caratteristiche di questo titolo di Stato, il tempo sta per scadere

Il MEF il 22 luglio ha pubblicato il comunicato stampa numero 136 annunciando l’emissione di un BOT a 6 mesi e del relativo calendario per le sottoscrizioni.

Oggi, 26 luglio ci sono le prenotazioni per il pubblico. Domani, invece, il 27 luglio entro le ore 11, il termine di presentazione delle domande.

Il giorno successivo (il 28 luglio) il termine del collocamento supplementare di due BOT: a 6 mesi e a 12 mesi (entro le ore 15:30). Infine, il 29 sarà pubblicato il regolamento per le sottoscrizioni.

Durante quest’asta saranno collocati anche altri BOT in circolazione al 14 luglio 2022 e in scadenza il 29 luglio. Nello specifico si tratta dei BOT flessibili, a 3 mesi, a 6 mesi, a 12 mesi.

Caratteristiche di questo buono

Emissione di un BOT a 6 mesi:

  • prima tranche;
  • codice ISIN: IT0005500035;
  • durata in giorni: 186;
  • data di emissione: 29 luglio 2022;
  • data di scadenza: 31 gennaio 2023;
  • importo minimo offerto in euro: 6.000.

La commissione massima sui BOT è dello 0,10% ai sensi del decreto ministeriale del 15 gennaio 2015. Il collocamento di questi titoli avverrà tramite l’asta competitiva.

Possono partecipare all’asta solo gli operatori Specialisti in titoli di Stato e gli Aspiranti specialisti. Le richieste degli operatori saranno espresse in termini di rendimento. Gli operatori potranno presentare fino a 5 richieste di acquisto.

Queste dovranno essere inviate alla Banca d’Italia, nei termini indicati, esclusivamente tramite la Rete nazionale interbancaria. Qualora ci fosse un malfunzionamento al sistema il modulo con le richieste di partecipazione potrà essere trasmesso via fax.

Infine, le richieste di ciascun operatore saranno prese in considerazione in base il rendimento più basso. Ma solo se l’importo complessivo offerto superi quello stabilito dal Dipartimento del Tesoro.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base