Importante scadenza nel mese di luglio: se si salta si può dire addio a tanti soldi

Una scadenza del mese di luglio non deve essere dimenticata per non rinunciare a recuperare molti soldi.

Luglio sarà l’ultimo mese per richiedere il rimborso del bollo auto all’ACI. Scopriamo chi sono gli automobilisti interessati alla scadenza.

scadenza luglio rimborso bollo auto
Adobe Stock

Il bollo auto è un’imposta che gli automobilisti devono corrispondere annualmente. La scadenza varia in base alla data di immatricolazione del veicolo e saltando il pagamento si rischia di dover pagare sanzioni e interessi elevati. Esiste la possibilità, però, di poter richiedere la restituzione della tassa corrisposta qualora si soddisfino le condizioni di accesso al rimborso. Nello specifico, l’automobilista potrà ottenere soldi indietro nel momento in cui risultasse che abbia versato soldi in più del dovuto. Com’è possibile, vi starete chiedendo, pagare somme aggiuntive rispetto a quelle stabilite. Occorre diversificare caso per caso per capire quando il rimborso è possibile.

Scadenza rimborso bollo auto nel mese di luglio, quando si può chiedere

La Regione Lombardia restituisce il bollo auto a chi avanzerà richiesta nel mese di luglio rispettando la scadenza. Condizione necessaria è aver subito il furto del veicolo con conseguente perdita del possesso. La parte del bollo non usufruita verrà restituita previa presentazione della domanda. Stesso discorso in caso di demolizione del veicolo soggetto al pagamento del bollo auto e per l’esportazione del mezzo all’estero. La somma che si otterrà indietro dipende dal numero di mesi in cui non si è più utilizzato il veicolo e, dunque, potrebbe anche essere restituita quasi per intero.

Altri casi di restituzione della tassa

I casi più frequenti di restituzione della tassa automobilistica sono legati ad una mancanza di utilizzo del mezzo per demolizione, furto o esportazione all’estero. Esistono, poi, altre eventualità che permettono di ottenere il rimborso della somma versata in eccesso. Accade, ad esempio, se per sbaglio il pagamento del bollo auto è stato effettuato più volte oppure se è stato corrisposto pur avendo diritto all’esenzione.

Alcune Regioni attivano autonomamente esenzioni “speciali” come ad esempio quelle per i veicoli elettrici e non tutti gli automobilisti sono a conoscenza dell’esenzione che vige nella propria regione in un determinato anno. Di conseguenza, non appena si apprenderà di far parte delle categorie esenti dal pagamento della tassa automobilistica si potrà procedere con la richiesta di restituzione dei soldi versati rivolgendosi all’ACI. Il cittadino potrà sfruttare il portale telematico oppure recarsi personalmente presso uno sportello nella sede della propria città per portare a termine la procedura.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base