Scarafaggi e sporco, pessime condizioni igieniche e cibo avariato in 12 ristoranti: cosa sta succedendo in questa Regione

Dall’inizio di giugno i NAS hanno effettuato molti controlli: scarafaggi e sporco è il “minore dei mali” cui si sono trovati di fronte.

L’Emilia Romagna, tutto l’anno ma soprattutto in questa stagione, offre soluzioni turistiche interessanti. Quest’anno però l’ospitalità non è risultata delle migliori, per usare un eufemismo. Da Il Fatto Alimentare giunge un’inquietante serie di notizie.

Scarafaggi e sporco
Adobe Stock

Attraverso un grande lavoro effettuato dal Nucleo Antisofisticazioni e Sanità dell’Arma, sono state individuate infatti tantissime irregolarità. Soprattutto in esercizi a somministrazione alimentare. I ristoranti coinvolti sono 12, ma nel “mirino” dei NAS sono finiti anche negozi alimentari e persino una farmacia. Ecco cos’è successo.

Scarafaggi e sporco, pessime condizioni igieniche, cibo avariato: coinvolte attività in molte città dell’Emilia Romagna

Il Comando di Carabinieri che ha disposto i controlli forse non si aspettava una così imponente varietà di illeciti. Dall’inizio di giugno hanno ispezionato tantissime attività, e ciò che è emerso è davvero preoccupante.

Certo ogni tanto qualche ristorante o negozio non rispetta le regole, ma qui siamo di fronte a molte infrazioni della Legge, potenzialmente molto pericolose per la salute delle persone. L’immagine della Regione e dell’offerta turistica che offre, solitamente di qualità, sicuramente verrà danneggiata.

Nelle provincie di Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini i NAS hanno controllato tanti negozi e ristoranti. Tra le varie irregolarità più o meno gravi, hanno evidenziato condizioni igieniche pessime. Uso di locali non regolamentari per la conservazione dei cibi. Prodotti addirittura scaduti.

In un locale è avvenuto il sequestro di addirittura 8 mila chili di cibo, perché “in cattivo stato di conservazione”. In totale sono 12 i ristoranti che si sono visti sospendere la licenza di attività. Oltre a questi, diversi altri locali specializzati in preparazione e/o vendita di cibi etnici, thailandesi e asiatici hanno mostrato condizioni pessime. Infestazioni di scarafaggi, sporcizia, carne congelata in “pessimo stato” e migliaia di chili di prodotti alimentari scaduti.

Anche una farmacia coinvolta nelle indagini

Un grave episodio, infine, si è verificato in una Farmacia di Piacenza. Durante un controllo è emerso che nell’esercizio erano in vendita integratori contro la disfunzione erettile non regolamentari. Dopo una verifica, i prodotti sono risultati addirittura “assenti dal registro nazionale degli integratori del Ministero della Salute”.

Arrivati a individuare l’azienda distributrice dell’integratore, operativa a Cremona, è emerso il giro d’affari imponente, e ovviamente illegale. Il sequestro da parte dei Carabinieri ha coinvolto ben 83 mila confezioni di integratori, del valore di almeno 2,5 milioni di Euro.

Fortunatamente queste ispezioni hanno impedito a molti turisti e residenti di accusare malori. La speranza è che il fenomeno sia concluso qui, e che la stagione turistica non subisca un “freno” a causa di pochi esercenti che non rispettano le regole.