Nuova epidemia ‘migliaia di persone stanno male’: spunta oggi la notizia dell’allerta in Corea del Nord

Giungono notizie di una grave epidemia in Corea del Nord. Tifo, Colera o forse qualche variante del Covid. Migliaia le famiglie colpite.

Le emergenze sanitarie si susseguono, e sembra che nuove malattie stiano aggredendo le persone di tutto il mondo.

Epidemia
Foto Canva

O forse si tratta di patologie già conosciute, che hanno “ripreso” forza a causa dei disagi sanitari causati dal Covid. In un momento di incertezze a livello globale, oggi spunta la notizia di una epidemia che sta colpendo gravemente la Corea del Nord.

Le informazioni, da un Paese “chiuso” com’è quello gestito dal dittatore Kim Jong-un, arrivano frammentate. Quel che è certo, è che la Corea del Nord sta attraversando una crisi sanitaria senza precedenti. Cerchiamo di capire quale sia l’origine di migliaia di malesseri, e forse di decine di vittime.

Epidemia in Corea del Nord, ecco quello che sappiamo

Tutto sembra essere partito dalla città di Haeju, che si trova nella provincia dello Hwanghae Meridionale. Da giovedì scorso, migliaia di famiglie, di persone di tutte le età, hanno cominciato a manifestare problemi gastrointestinali. Secondo le autorità locali, non si esclude che si possa trattare di Tifo o di Colera.

Si parla di 800 famiglie in tutto, di almeno 72 morti, ma sono numeri assolutamente incerti. Ciò a causa della centralità della comunicazione gestita dal dittatore.

Il Paese, da maggio scorso, ha visto un’impennata di casi di Covid, e la situazione generale era già compromessa a causa dei numerosi disagi. Ciò che arriva dalle agenzie stampa della Corea del Nord è comunque una fotografia incompleta.

Dall’agenzia statale KCNA, giungono notizie sulle azioni di Kim Jong-un, che avrebbe immediatamente disposto “screening intensivi di massa” delle aree colpite. Si teme soprattutto per i soggetti più deboli, come bambini e anziani. Dalla medesima agenzia risulterebbe che quasi 20 mila persone stiano accusando febbre, senza specificare se si tratti di Covid o di altre malattie.

Non mancano comunque polemiche, dubbi e perplessità, e ciò che giunge a noi è una insieme di rumors e domande, più che di certezze. Sicuramente nel “calderone” della situazione coreana vi sono problematiche strutturali, azioni politiche e gestione delle emergenze di dubbia coerenza.

La preoccupazione è che qualsiasi sia la malattia che colpendo i cittadini coreani potrebbe diffondersi a livello globale. Facendoci ripiombare nell’incubo pandemia.