Dal Superbonus al Bonus sociale arrivano assegni e taglio bolletta per tutti, bisogna fare domanda

Le famiglie e le imprese possono contare sugli aiuti del Governo per riuscire a superare la crisi economica in atto. Il Decreto di riferimento è quello anti-rincari.

Il governo continua a presentare decreti su decreti per intervenire a tutela della popolazione. Scopriamo alcune delle ultime misure volte a sostenere famiglie e imprese.

famiglie e imprese aiuti
Adobe Stock

Con la pandemia da Coronavirus gli italiani hanno imparato ad attendere i decreti del Governo per conoscere direttive, restrizioni, interventi a favore di famiglie e imprese. Ora che lo stato di emergenza legato al Covid è terminato, si è passati ad un altro stato di emergenza a causa del conflitto tra Ucraina e Russia. Gli italiani, dunque, non possono ancora contare su un periodo di tranquillità e stabilità economica, politica e sociale. Siamo tutt’ora nel mezzo di una crisi generale, chiamati ad affrontare quotidianamente difficoltà impensabili fino a pochi mesi (o forse anni) fa.

La “colpa” delle maggiori preoccupazioni sul piano economico è dei numerosi rincari che feriscono profondamente i conti in banca dei cittadini. Le spese sono aumentate mentre gli stipendi no e da qui l’enorme difficoltà per tante famiglie e imprese di arrivare a fine mese. Sono partiti, dunque, nuovi Decreti per sostenere economicamente la popolazione gravata dalla guerra in Ucraina. Tra i tanti citiamo il DL anti-rincari.

Famiglie e imprese, gli aiuti nel DL anti-rincari

Un provvedimento che ha lo scopo di arginare i rincari legati alla guerra in Ucraina attraverso misure di diversa natura e dai differenti obiettivi. Iniziamo con la decisione di prorogare il taglio delle accise sul carburante al fine di non far lievitare nuovamente i costi di diesel e benzina oltre i 2 euro al litro e con il Bonus sociale per l’energia elettrica e per il gas esteso ad una più ampia platea di beneficiari. Dallo scorso 1° aprile fino al 31 dicembre 2022, infatti, a beneficiare degli sconti in bolletta saranno tutte le famiglie con ISEE inferiore a 12 mila euro e non più 8.265 euro. Un aiuto necessario per evitare l‘arrivo di bollette dagli importi onerosi a cui si affianca un secondo intervento in relazione agli aumenti dell’energia elettrica e del gas. Parliamo della proroga al 30 giugno dell’anno in corso della possibilità di approfittare delle disposizioni della Legge di Bilancio 2022 in relazione alla rateizzazione delle bollette per i clienti domestici.

La dilatazione dei pagamenti, poi, è concessa anche alle imprese residenti in Italia per i mesi di maggio e giugno 2022. La domanda dovrà essere inoltrata direttamente alle società fornitrici e potrà richiedere un massimo di 24 rate da corrispondere mensilmente di pari importo.

Le misure continuano

Il DL prevede nuovi requisiti da soddisfare per le imprese che vorranno effettuare lavori di riqualificazione energetica e ristrutturazione rientranti nel Superbonus 110%. Chi eseguirà interventi del valore superiore a 516 mila euro dovrà necessariamente essere in possesso dell‘attestazione Soa per aumentare la sicurezza nei cantieri. Questi paletti, però, escludono le piccole e medie imprese dalla possibilità di essere chiamate a svolgere i lavori di efficientamento energetico.

Un’altra proroga riguarda i ristoratori e le autorizzazioni per l’utilizzo temporaneo del suolo pubblico per tutte le imprese che somministrano bevande e alimenti. Il termine ultimo previsto è il 30 settembre 2022. Stessa data per la proroga delle procedure telematiche semplificate inerenti alle domande di nuove concessioni per l’occupazione del suolo pubblico o per l’ampliamento delle stesse. Condizione necessaria è l’esigenza di soddisfare le richieste di distanziamento previste in relazione ai contagi da Covid 19.

Concludiamo con la segnalazione dell’apertura di un fondo da 500 milioni di euro per l’anno in corso da destinate al settore dell’autotrasporto.