Poste Italiane nella Top 25: per Buoni Postali e forme di investimento con impatto sul Pil italiano

Poste Italiane è tra le migliori società per la sostenibilità 2022 nella classifica del Sole 24 Ore nonché nella Top 25 per la sostenibilità economica. 

Il tema delle ricadute sociali e ambientali sono oggi variabili centrali che orientano gli investimenti e rendono le aziende profittevoli sul lungo periodo.

Poste Italiane risultati ecologici

Cambiamenti climatici e ricadute sulla salute delle proprie attività dirette o sovvenzionate tramite il settore finanziario sono gli elementi in grado di fare differenza. Oggi fare impresa significa anche seguire i criteri ESG, diversamente si rischiano costi a compensazione delle attività nocive.

Poste italiane è un istituto di credito che si occupa di servizi postali, bancari, finanziari e di telecomunicazione. L’immagine della società è direttamente legata a quella dello Stato italiano. Il suo capitale è detenuto per il 65% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e da Cassa depositi e prestiti. La società per azioni è dal 2015 anche quotata in Borsa e coinvolge circa 200.000 dipendenti in tutto il territorio nazionale.

Poste Italiane: ecco i risultati del successo economico e di sostenibilità

A guidare Poste Italiane c’è oggi Matteo del Fante attualmente amministratore delegato nonché direttore generale di Poste Italiane. Il manager fiorentino ha un curriculum di spicco nel settore dell’economia e del management. Oggi la società che ha da poco celebrato i 160 anni di storia è un protagonista economico che produce risultati e riveste al tempo stesso una funzione sociale per il Paese. Questo l’orgoglio condiviso da Matteo Del Fante, durante l’evento di lancio delle celebrazioni dell’anniversario.

Dal bilancio integrato di rendicontazione emerge il successo economico e finanziario nonché civilistico e di sostenibilità. I numeri del gruppo per il 2021 mostrano risultati in crescita con ricavi aumentati del 6,6% su base annua, a quota 11,2 miliardi di euro, con un utile netto record in aumento del 31% e pari a 1,6 miliardi.

Il gruppo ha generato 2 miliardi di gettito fiscale e occupazione

Il dato più significativo risulta però il contribuito alla crescita economica italiana con un impatto cumulato positivo sul Pil per oltre 49 miliardi dal 2018 al 2021. Solo nel 2020, il gruppo ha generato 2 miliardi di gettito fiscale e occupazione. Poste Italiane cerca di contribuire all’innovazione e alla formazione suoi dipendenti; milioni di ore di formazione e un programma di educazione finanziaria e digitale in oltre tremila scuole.

In tema di sostenibilità ambientale l’obbiettivo del gruppo è quello di raggiungere, in linea con la tabella di marcia degli accordi di Parigi le zero emissioni nette entro il 2030. La sfida e l’obbiettivo vengono perseguiti sostituendo la flotta di mezzi a combustione interna con quelli elettrici o a basse emissioni oggi pari a circa 10 mila veicoli. Il risparmio per l’ambiente è notevole e si affianca all’efficientamento energetico degli immobili. Tra le iniziative del gruppo anche una carta di debito, PostePay Green premiata come Prodotto dell’anno 2022 in quanto completamente biodegradabile.

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia