Quanto guadagna Gerry Scotti? Il suo patrimonio è eccezionale

Lo conosciamo tutti come Gerry ma in realtà si chiama Virginio, stiamo parlando dello Scotti nazionale, non quello dell’omonimo riso di cui è stato anche volto-immagine.

Con questo articolo cercheremo di ripercorrere la sua carriera e capire quanto guadagna.

Quanto guadagna Gerry Scotti
Foto Ansa

La sua è una storia costellata di successi tanto che in molti lo hanno battezzato l’erede naturale dell’iconico Mike Buongiorno, Si fa chiamare lo Zio Gerry ed è ormai da decenni una delle star più amate e quindi più pagate dell’italica tivvù.

Una carriera che nasce nel mondo delle radio libere

Virginio Scotti è nato il 7 agosto del 1956 a Camporinaldo, piccola frazione di Miradolo Terme (in provincia di Pavia), è figlio di un operaio delle rotative del Corriere della Sera e di una casalinga. La sua è una storia tutta meneghina: cresce e studia a Milano (liceo classico e poi Facoltà di Legge) e comincia ad avvicinarsi al mondo delle radio che all’epoca erano dette “libere”.

Gerry Scotti lavora via via per Radio Hinterland Milano2, NovaRadio, Radio Milano International. Siamo ancora negli anni Settanta. Ma la svolta arriva negli anni ‘80 quando viene chiamato nientemeno che da Claudio Cecchetto a Radio Deejay. Da lì lo sbocco in televisione con “DeeJay Television”, l’emittente che per prima cominciò a mandare in onda quei primi videoclip musicali che tanto furore fecero all’epoca.

I programmi che lo hanno reso celebre (e qualche flop)

Da lì la sua carriera decolla con una raffica di trasmissioni “Zodiaco”, “Video Match”, “Festivalbar” (addirittura come cantante), “Candid Camera” e “Deejay Beach”, “Smile”, “Candid Camera Show” e poi ritorna al “Festivalbar”, ma da presentatore.

Gli anni ‘90 e poi le prime decadi del 2000 rafforzano e confermano le sue caratteristiche di conduttore nazional-popolare, di quelli che insomma piacciono alle mamme e alle nonne. E lo rendono uno dei volti ufficiali delle reti Mediaset.
Citiamo in ordine sparso altri programmi che lo hanno reso celebre anche come attore di sit-com: “Il gioco dei 9″, La grande sfida”, “Buona Domenica”, “La sai l’ultima?”, “Striscia la notizia”, “Passaparola”, “Finalmente soli”, “Chi vuol essere miliardario?“, “La Corrida”. “Paperissima – Errori in tv”, “Io canto”, “Italia’s Got Talent”. “Lo show dei record”, “The winner is”. A partire dalla primavera del 2014, Gerry Scotti si alterna con Paolo Bonolis alla guida di “Avanti un altro!”, “Tu si que Vales”… E non ne abbiamo citati tanti altri.
Moltissimi successi ma anche, inevitabilmente qualche flop come “Non dimenticate lo spazzolino da denti”, “Adamo contro Eva” e “La Stangata”.

Ma quanto guadagna lo zio Gerry? Un patrimonio sorprendente!

Gerry Scotti, come abbiamo visto, da oltre trenta anni conduce i principali format proposti da Mediaset. E questo perché il suo stile tranquillo e tranquillizzante piace a un pubblico familiare e non crea praticamente mai polemiche. Tanto per dare un numero: ha superato le 8.000 puntate di programmi condotti per il Biscione, e non contiamo le migliaia di trasmissioni radio.

Come capita sempre per i guadagni dei Vip, anche le cifre degli stipendi di Gerry Scotti non sono state mai diffuse a livello ufficiale. Ma si sa sul web quello dei guadagni delle star è uno degli argomenti più amati. Quindi parecchi siti specializzati in questo tema hanno tentato di valutare gli incassi del popolare conduttore.

Per esempio secondo il sito Italian times, i guadagni annui di Gerry Scotti ammonterebbero a circa dieci milioni di euro. Vista la sua ultra trentennale carriera lasciamo fare a voi un calcolo a spanne circa il suo patrimonio.

Anche dal punto di vista del patrimonio immobiliare di Gerry non scherza: è proprietario di una dimora molto grande a Milano, in zona Cologno Monzese (dove si trova la sede degli studi Mediaset). Oltre a questa casa, dove abita, ci sarebbe anche un appartamento a Cernusco sul Naviglio, ma questa è una notizia che per ora non ha trovato delle conferme ufficiali.