Pioggia di soldi senza restituzione per le donne con progetti ambiziosi, attenzione la scadenza è vicina

Anche quest’anno il ministero dello Sviluppo economico (MISE) ha stanziato un Fondo dedicato al sostegno dell’imprenditoria femminile.

Si tratta di incentivi a fondo perduto rivolti alle donne che desiderano iniziare una nuova impresa oppure migliorare la loro attività con nuovi progetti. Il Fondo impresa femminile, questo è il nome, mette a disposizione circa 200 milioni di euro.

imprenditoria femminile
Pexels

In particolare, sono contributi a fondo perduto fino all’80% della spesa se si richiedono per la creazione di nuove imprese. Invece, per quelle già avviene il contributo sarà del 50%. Il Fondo, introdotto dall’articolo 1, comma 97 della legge n.178/2020, grazie all’utilizzo dei fondi PNRR, diventa importante per l’imprenditoria femminile

Imprenditoria femminile: come accedere al Fondo dedicato, da maggio l’invio delle domande

Da maggio si possono inviare le domande per richiedere i contributi per il sostegno all’imprenditoria femminile. Si tratta del Fondo imprese femminili che mette a disposizione 200 milioni di euro a fondo perduto. Lo scopo è incentivare le donne a realizzare nuovi progetti imprenditoriali nei settori dell’industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, commercio e turismo, fornitura di servizi.

Possono accedere alla misura di sostegno: imprese individuali il cui titolare sia una donna; lavoratrici autonome con partita IVA; società di capitali con almeno 2/3 di donne nel consiglio di amministrazione; cooperative o società di persone con almeno il 60% di donne.

Oltre ai 200 milioni già a disposizione, il MISE prevede di aggiungere ulteriori 200 milioni per le startup già in essere e per le nuove imprese così suddivisi:

  • 100 milioni per Smart&Start Italia:
  • 100 milioni per ON – Oltre Nuove Imprese a Tasso zero.

Come presentare le domande

La domanda per ottenere l’incentivo deve essere compilata in modalità telematica utilizzando la procedura informatica messa a disposizione sul sito Invitalia che le gestirà per conto del MISE.

La presentazione delle domande si divide in due fasi: la prima di compilazione; la seconda consiste nell’invio della stessa. La piattaforma online sarà attivata nelle date di apertura dello sportello. Infatti, questo verrà aperto in due momenti in più momenti differenti. In particolare:

  • nuove imprese: lo sportello per la compilazione della domanda sarà attivato alle ore 10 del 5 maggio. Per la presentazione della domanda invece dalle ore 10 del 19 maggio;
  • imprese già avviate: lo sportello per la compilazione della domanda sarà attivo dalle ore 10 del 24 maggio, mentre per la presentazione delle stesse dalle ore 10 del 7 giugno.

Invitalia informa che la piattaforma telematica sarà accessibile dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 17. Per l’accesso è necessario: le credenziali di accesso SPID, CNS, CIE; la firma digitale; indirizzo PEC del legale se società oppure della persona fisica se titolare dell’azienda.