L’elisir di lunga vita che fa bene al Diabete esiste, ed è preparato con un alimento particolare a cui non si pensa

Esistono molti rimedi che arrivano da antiche tradizioni. Una che fa bene al diabete è molto nota in Cina e in Russia.

Stiamo parlando del tè Kombucha, una preparazione a base di tè fermentato che sembra abbia proprietà curative strabilianti. Scoprire di avere il Diabete significa poi dover adottare uno stile di vita e alimentazione particolarmente attento. I livelli alti di zuccheri nel sangue, infatti, portano a molteplici problemi di salute.

fa bene al Diabete
Adobe Stock

In Italia, almeno 3 milioni di persone soffrono di Diabete di tipo-2 o di insulino-resistenza. Si tratta di un numero in crescita, poiché tante persone non sanno ancora di averlo. Negli ultimi 30 anni il numero di adulti che manifestano il diabete è cresciuto esponenzialmente. Non solo, secondo i dati del Ministero della Salute, “un numero crescente di casi viene diagnosticato in età adolescenziale, fatto questo correlabile all’aumento dei casi di obesità infantile.”

Possiamo dunque parlare di una vera e propria malattia sociale. Fortunatamente, la Sanità nel nostro Paese tutela i diabetici con tutta una serie di misure. Dalla diagnostica all’erogazione di cure gratuite, esami mirati e agevolazioni economiche atte a lenire il disagio socio economico. Oltre alle terapie mediche ufficiali, ci arriva anche un interessante preparato di origine antica, che sembra possa abbattere la glicemia nel sangue. Vediamo di cosa si tratta.

L’elisir di lunga vita che fa bene al Diabete esiste, e si chiama Kombucha

Un recente studio, pubblicato sul National Library Of Medicine, illustra le proprietà benefiche del tè Kombucha. Sembra che il suo consumo rallenti la digestione dei carboidrati, riduca i livelli di zucchero nel sangue, e migliori anche la funzionalità di fegato e reni.

Pare addirittura che la variante di Kombucha realizzato col tè verde sia ancora più benefico. Questo sicuramente perché il tè verde di suo è in grado di ridurre gli zuccheri nel sangue. Uno studio effettuato su circa 300 mila soggetti ha evidenziato che chi beve tè verde rischia il 18% in meno di diventare diabetico.

Il Kombucha sembra essere efficace non solo contro il Diabete, ma anche contro molte malattie. Il segreto sarebbe insito nella fermentazione di questa bevanda, e nella particolare procedura di realizzazione, per la quale serve un “fungo” particolare. Esistono comunque teorie un po’ discordi sul Kombucha: nonostante stia riscuotendo molto successo, forse il “pericolo” di mancati effetti benefici deriverebbe da una errata preparazione.

Il tè fermentato, infatti, deve essere preparato secondo tecniche ben precise. Chi non le segue rischia di creare una bevanda “tossica”. Dunque chi decide di approcciarsi al consumo del Kombucha dovrebbe farlo con cautela. Secondo i “fan” di questo antico preparato, berlo apporterebbe benefici contro l’obesità, a rafforzare i reni, aiutare la prevenzione di malattie del cuore e dell’apparato osteoarticolare. Non solo, sembra sia addirittura consigliato contro l’insonnia e contro la calvizie.

Insomma, un elisir di lunga vita, ma che come molte altre cose può essere anche controindicato. Dunque sempre meglio affidarsi a esperti o al proprio medico di fiducia prima di integrare un alimento o una bevanda del tutto nuovi.

(le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e riguardano studi scientifici pubblicati su riviste mediche. Pertanto, non sostituiscono il consulto del medico o dello specialista, e non devono essere considerate per formulare trattamenti o diagnosi)