Come pagare il bollo auto e quanti soldi versare per evitare terribili sanzioni

Come ogni anno è arrivato il momento di pagare il bollo auto. Ci sono sempre tanti dubbi sul come pagarlo. Cerchiamo di risolverli.

Il bollo auto è una tassa regionale che deve essere versata dai cittadini in possesso di autovetture, autoveicoli di trasporto promiscuo o di motocicli.

Bollo auto
Adobe Stock

Il pagamento è regolato sulla base del numero kilowatt, espresso in Kw, riportato sulla carta di circolazione, ma senza considerare le cifre decimali. Nel caso in cui sulla carta di circolazione non fosse indicata il numero dei kilowatt, il bollo sarà pagato in base alea potenza massima dei cavalli (Cv). Il pagamento della tassa è obbligatorio anche se è incredibile, i modi per non pagare il Bollo Auto esistono (e sono legali).

Bollo auto: modalità di pagamento

Il bollo auto deve essere pagato ogni anno entro l’ultimo giorno di scadenza a quello successivo. Ad esempio, se il bollo scade il 30 agosto 2021, il pagamento dovrà avvenire entro la fine di settembre 2022.

L’ACI sul proprio sito mette a disposizione un servizio per il calcolo del bollo. In base a questo calcolo si potrà conoscere l’importo della tassa da versare e, se dovuto, un eventuale superbollo destinato alle casse dello Stato.

Il pagamento della tassa automobilistica potrà essere effettuato sul sito dell’ACI tramite l’applicativo Bollonet  oppure nei seguenti modi:

  • uffici delegazione ACI;
  • PagoPA (ma il servizio non è attivo in tutte le Regioni);
  • Poste Italiane;
  • ricevitorie lottomatica;
  • agenzie di pratiche auto;
  • APP per smartphone e tablet;
  • online tramite home banking, sportelli bancari, punti vendita Mooney;
  • siti delle Regioni.

Per quale tipologia di veicolo si paga il bollo auto

La tassa automobilistica è obbligatoria e deve essere pagata da chiunque risulta proprietario di veicoli. Nel caso in cui il veicolo viene venduto tra la scadenza e il rinnovo, il pagamento spetterà al nuovo proprietario.

La tassa si differenzia in base alla tipologia del veicolo. Infatti, per le autovetture, gli autoveicoli trasporto promiscuo e per i motocicli, il bollo è regolato da norme comunitarie riguardanti le emissioni inquinanti.

I proprietari di autocarri, con peso complessivo inferiore a 12 tonnellate, devo versare l’importo del bollo in base alla portata.

Per gli autoveicoli superiori a 12 tonnellate, la tassa dovuta dal proprietario sarà calcolata in base al peso complessivo.

Infine, i ciclomotori e le minicar, se utilizzati su strada pubblica, la tassa automobilistica avrà decorrenza gennaio/dicembre.