Inps avverte, occhio alla “domanda non accolta”: scatta l’allarme

L’Inps invita a prestare attenzione ad una e-mail in merito a una “domanda non accolta”. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa sta succedendo.

Attenti a un nuovo tentativo di raggiro che sfrutta il nome dell’Inps e attraverso il quale dei truffatori cercano di svuotare il conto del malcapitato di turno.

truffa Inps domanda
Foto © AdobeStock

A partire dagli sms, passando per le e-mail fino ad arrivare alle app di messaggistica istantanea sono davvero tanti gli strumenti a nostra disposizione grazie ai quali poter comunicare in qualsiasi momento con chiunque. Servizi indubbiamente utili, a cui però bisogna prestare attenzione, in quanto la trappola è sempre dietro l’angolo.

Ne è un chiaro esempio un recente tentativo di truffa che sfrutta il nome e il logo dell’Inps. Ma di cosa si tratta e soprattutto come difendersi? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Pensione, attenzione: chi non invia questo modulo entro il 28 febbraio perde l’assegno

Inps avverte, occhio alla “domanda non accolta”: ennesimo tentativo di truffa

Qualche giorno fa abbiamo visto come riconoscere le truffe alle banche e ai loro clienti e come proteggere i risparmi. Oggi, invece, ci soffermeremo su un nuovo tentativo di truffa che viene attuato sfruttando il nome e il logo dell’Inps.

Lo stesso istituto di previdenza sociale ha invitato a prestare attenzione a delle finte e-mail che stanno circolando in questi giorni e che rischiano di far cadere molti nella trappola.

Attraverso il messaggio in questione viene notificato che “non è stata accolta la sua domanda“, in quanto il destinatario della e-mail non avrebbe provveduto a fornire la documentazione necessaria.

Si invita, quindi, a “prendere visione della documentazione esaustiva riguardante la sua richiesta e il provvedimento, entrambi presenti nell’archivio allegato e scaricabile nella presente e-mail“. Nella realtà dei fatti, però, non è così.

Inps avverte, occhio alla truffa: come difendersi

Si tratta, infatti, di un nuovo tentativo di truffa, con la stessa Inps che invita “gli utenti a ignorare ogni tipo di e-mail che proponga di scaricare allegati e moduli“. L’e-mail in questione, infatti, contiene un file allegato in formato .zip che si rivela essere un malware.

Quest’ultimo, una volta aperto, si installa sul proprio dispositivo e consente ai truffatori di agire indisturbati, mentre sottraggono informazioni importanti come ad esempio dati personali e password.

Stretta del Fisco sulle spese personali: la privacy non esiste, le sanzioni invece sì

Al fine di evitare spiacevoli inconvenienti, pertanto, si ricorda di non cliccare mai su link sospetti, ricevuti ad esempio attraverso mail o sms. In caso di dubbio si invita a contattare l’istituto, in modo tale da poter ottenere chiarimenti in merito.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base