Le migliori marche di padelle antiaderenti contengono PFAS, ecco quali evitare

Non è detto che le padelle antiaderenti più costose siano quelle più, sicure, anzi da un’indagine è emerso proprio il contrario. 

Fino a qualche anno fa le padelle antiaderenti erano considerate comodissime, moderne e sicure, perché grazie al loro particolare rivestimento non fanno attaccare i cibi durante la cottura.

padelle antiaderenti con pfas
Le migliori marche di padelle antiaderenti non sono così sicure – InformazioneOggi.it

Proprio il rivestimento, però, è realizzato con materiali che poi si è scoperto essere molto pericolosi per la salute umana. Parliamo in via generica di PFAS, una categoria di elementi alla quale appartengono più di 9 mila sostanze diverse.

Molti studi, negli anni, hanno evidenziato che il rivestimento antiaderente delle padelle, ma che è presente in tantissimi altri oggetti di uso quotidiano, porta a rischio cancro, e numerose altre malattie, soprattutto se c’è un’esposizione prolungata.

Consapevoli di ciò, i consumatori hanno orientato la scelta verso padelle di alta qualità, costose, perché pensavano che i produttori prestassero maggiore attenzione. Invece da un’analisi effettuata dalla rivista francese Que Choisir emerge tutta un’altra (amara) verità.

Attenzione alle padelle antiaderenti che ti appresti a comprare, le marche più famose non sono sicure

Nonostante si sappia che gli PFAS (sostanze per- e polifluoroalchiliche) siano pericolosi per la salute umana, moltissimi oggetti ne contengono ancora grandi quantità. Questo perché le sostanze vengono usate per rendere impermeabili i contenitori, o antiaderenti le padelle e così via.

I PFAS, ricordiamolo, oltre a nuocere gravemente sulla salute umana (sono correlati a tumori, obesità e diabete) sono molto dannosi anche per l’Ambiente, perché le sostanze tossiche non si degradano mai (sono detti anche “inquinanti eterni”) si accumulano nei vegetali, nell’acqua, nell’aria e finiscono poi nella catena alimentare.

Leggi anche: Eliminare la contaminazione di PFAS negli alimenti, cosmetici e acqua: i consigli che salvano la vita

A dispetto di tutte queste conoscenze sui rischi dell’usare gli PFAS, questi si trovano ancora in moltissimi prodotti, comprese le padelle antiaderenti. E da un’indagine della rivista per consumatori francese è emerso quali siano le marche peggiori.

Gli esperti di Que Choisir hanno analizzato varie padelle di vari marchi, andando a cercare tracce di PFAS e anche di altre sostanze non regolamentari; infine hanno stilato una classifica, ed ecco cosa è emerso:

  • Padelle che hanno ottenuto una valutazione di “qualità buona”: Casa (E. Leclerc), che costano in media sui 25 euro;
  • Padelle di media qualità: Carrefour Casa, prezzo medio di 12,99 euro;
  • Padelle di qualità mediocre: Ernesto (LIDL), prezzo medio di 5,99 euro; Cristel Cookway, prezzo medio di 69,90 euro; IKEA 365+, prezzo medio di 14,99 euro; Tefal Ingenio ECO resist, prezzo medio di 61,00 euro

Tra quelle di pessima qualità troviamo, purtroppo, quelle che costano di più:

  • De Buyer Choc Resto Induzione, prezzo medio di 67,50 euro
  • Rivestito Beka Chef, prezzo medio di 89 euro.

Attenzione ai prossimi acquisti, dunque, perché dall’indagine emerge chiaramente che non sempre costo alto e qualità vanno a braccetto.

Lascia un commento


Impostazioni privacy