Madri lavoratrici, aumentano le buste paga ma non per tutte, ecco chi verrà esclusa

Il Governo Meloni ha attivato delle misure straordinarie a favore delle madri lavoratrici, che vedranno buste paga più alte.

Infatti, come annunciato dallo stesso premier, si è pensato di attivare sgravi contributivi per le mamme che lavorano, innescando di conseguenza un aumento in busta paga.

busta paga più alta madri lavoratrici
La busta paga di alcune madri lavoratrici sarà più alta – InformazioneOggi.it

Purtroppo, come spesso accade per le azioni del Governo, “non è tutto oro quel che luccica”, infatti alcune madri che lavorano potranno beneficiare di questo vantaggio, ma altre saranno escluse a priori. Ecco perché.

Come sapere se si rientra tra le madri lavoratrici che avranno un aumento di stipendio

Abbiamo detto che sono in essere alcune misure atte a favorire le nascite e a facilitare la vita lavorativa delle mamme, anche con aumenti di stipendio.

Ma proprio guardando ai chiarimenti dell’INPS, questi benefit non spettano a tutte le donne e madri che lavorano. Infatti la decontribuzione al 100% è prevista solamente per le madri lavoratrici che lavorano come dipendenti e hanno un contratto di lavoro a tempo indeterminato. L’altro requisito è avere almeno 2 figli, di cui uno fino a 10 anni di età.

Questo benefit sarà in essere fino al 2024, e si prolungherà fino al 2026 solo se la madre lavoratrice ha almeno 3 figli, di cui il più piccolo fino a 18 anni.

Resteranno escluse dunque tutte le madri lavoratrici che hanno un solo figlio, o chi lavora con contratto di lavoro a tempo determinato (cosa molto frequente perché le aziende preferiscono prolungare i contratti a termine fino al massimo consentito dalla Legge), e saranno escluse anche le madri lavoratrici che pur avendo 2 o 3 figli sono impiegate nel lavoro domestico subordinato.

Di contro, anche con questi lievi aumenti, la madre lavoratrice beneficiaria dello sgravio dovrà fare i conti con gli aumenti dell’Iva inerenti prodotti d’igiene intima femminile, pannolini per neonati, seggiolini per bimbi e altri.
La decisione della Meloni di aumentare/raddoppiare l’Iva sui suddetti prodotti è scaturita, tra l’altro, dal fatto che gli aumenti dei prezzi hanno vanificato il risparmio. Dunque i padri e le madri continueranno a pagare sempre di più anche i prodotti per l’infanzia.
Incentivi, dunque, che non convincono, che non sono sufficienti a combattere inflazione e speculazione e che soprattutto creano discriminazione tra determinati tipi di madri lavoratrici e altre.

Lascia un commento


Impostazioni privacy