Caos rivalutazione delle pensioni, potrebbe essere necessario un ricalcolo | Il punto della situazione

La rivalutazione delle pensioni dovrebbe essere riformulata, con un adeguamento al tasso di inflazione del 5,7%. Cosa succederà?

Anche quest’anno gli assegni pensionistici sono stati interessati dalla rivalutazione, cioè l’adeguamento degli importi al costo della vita.

rivalutazione pensioni tasso definitivo
Le pensioni verranno rivalutate secondo il tasso definitivo – InformazioneOggi.it

In particolare, l’ISTAT aveva stabilito l’aliquota del 5,4%. Si trattava, tuttavia, di un dato soltanto provvisorio, determinato sul tasso di inflazione rilevato fino al mese di settembre e sulla stima di quello dell’ultimo trimestre del 2023.

Col nuovo anno, è sempre necessario verificare la correttezza del calcolo effettuato e accertare se l’inflazione registrata nei mesi precedenti sia giusta. Solo in questo modo, infatti, è possibile scoprire il tasso di rivalutazione definitivo.

Il tasso provvisorio serve a garantire l’adeguamento degli assegni pensionistici già dall’inizio del nuovo anno ma, se dovesse risultare maggiore di quello stimato, l’INPS provvederà al conguaglio per il riconoscimento della differenza per i mesi arretrati.

Questa situazione si è verificata proprio nel 2024. Quali saranno i nuovi importi e in che modo si procederà?

Rivalutazione delle pensioni e conguaglio: quali sono gli importi spettanti?

Rispetto al tasso di rivalutazione provvisorio del 7,3%, a gennaio 2024 è stato riscontrato un tasso definitivo dell’8,1%. Di conseguenza, sarà predisposto un conguaglio dell’0,8% sulle pensioni.

Nelle scorse settimane, l’ISTAT ha, inoltre, dichiarato che i prezzi al consumo sono aumentati del 5,7% e, dunque, non è ancora chiaro se verrà confermata o meno la rivalutazione del 5,4%.

In ogni caso, il tasso di rivalutazione è superiore a quello stimato e sarà necessario un ricalcolo della rivalutazione, con relativo conguaglio per i pensionati, ai fini dell’attribuzione dei nuovi aumenti e degli arretrati.

Secondo quanto previsto dal Governo Meloni, tuttavia, la rivalutazione piena al 100% si applicherà esclusivamente alle pensioni di ammontare non superiore a 4 volte il trattamento minimo. Per gli altri assegni, invece, l’incremento seguirà le seguenti regole:

  • pensioni tra le 4 e le 5 volte il trattamento minimo: rivalutazione all’85%;
  • pensioni tra le 5 e le 6 volte il trattamento minimo: rivalutazione al 53%;
  • pensioni tra le 6 e le 8 volte il trattamento minimo: rivalutazione al 47%;
  • pensioni tra le 8 e le 10 volte il trattamento minimo: rivalutazione al 37%;
  • pensioni superiori a 10 volte il trattamento minimo: rivalutazione al 22%.

Facciamo un esempio, per agevolare la comprensione del meccanismo appena descritto. Tizio percepisce una pensione mensile di mille euro. A gennaio avrà diritto a un aumento di 54 euro, a fronte dei 57 euro da calcolare in base al tasso di rivalutazione definitivo. Tramite il conguaglio, dunque, gli verranno attribuiti i 3 euro di arretrati per ciascuna mensilità del 2024. Su un assegno mensile di 2 mila euro, invece, la somma da recuperare sarà di 6 euro.

Da come si può notare, si tratta di cifre molto esigue e decisamente inferiori a quelle dello scorso anno.

Lascia un commento


Impostazioni privacy