Truffa Vip: “Hanno clonato la voce di mio nipote”, rubati i soldi per i poveri

Una vicenda davvero incredibile che ha scosso più che mai l’opinione pubblica per le modalità stesse con le quali si è concretizzata.

Storie che purtroppo segnano il nostro quotidiano, migliaia di cittadini truffati nel corso degli anni e una logica truffaldina che purtroppo continua imperterrita a fare danni. La vicenda in questione, l’ultima segnalata dalle cronache, riguarda un volto molto noto nel panorama artistico italiano. Il classico impianto truffaldino che prevede l’alterazione di voci e la seguente richiesta economica traendo chiaramente in inganno la vittima prescelta.

Truffa Vip
Hanno rubato tutto – InformazioneOggi

“Erano le tre di pomeriggio del 14 giugno, proprio il giorno del mio compleanno, che bel regalo. Ero sola in casa, a quell’ora la mia amica-segretaria Arianna non c’è e gli sciagurati lo sapevano, devono avermi spiato“. Inizia cosi il racconto quasi straziante di Laura Efrikian, ottantatreenne, famosa attrice ed ex moglie di Gianni Morandi.

La donna, ha raccontato nel corso di una intervista al Corriere dell Sera, la drammatica vicenda di cui è stata vittima soltanto pochi giorni fa. La dinamica è quella della classica truffa che purtroppo sempre più spesso circola nelle nostre città. Sempre più spesso, inoltre, si vanno a colpire anziani, che per una serie di fattori, sono chiaramente più facilmente influenzabili. Gli si nomina un figlio, un nipote, e cosi come in questo caso, tutto crolla.

L’improvvisa chiamata da parte di qualcuno che si è finto il nipote sedicenne della donna, la richiesta di soldi, che in base al racconto fornito sarebbero dovuti servire per pagare presunti fornitori: “Quella voce era clonata – racconta l’attrice – ma sanno dove colpirti, nell’amore infinito per un figlio in pericolo, che non ti fa più ragionare. Io però voglio raccontarlo, se anche aiuterò una sola persona a non farsi imbrogliare, almeno ne sarà valsa la pena. Certo che il colpo lo accusi, è come aver preso una bastonata in testa”.

“Suona il telefono fisso – continua – Rispondo. E riconosco la voce concitata di mio nipote Jacopo: Nonna, papà è nei guai, devi aiutarci, per favore, ora ti spiego ma fai in fretta!. Non era lui, ora lo so, ma un attore con la voce contraffatta, ormai le clonano, sono abilissimi, poi me l’hanno spiegato. Il mio finto nipote era agitatissimo. – continua – E si è subito raccomandato: Non dirlo a nessuno, per carità, papà non vuole, pensa che figura se si viene a sapere. E gli ho dato retta. Nel frattempo mi hanno chiamato anche sul cellulare, presentandosi come i creditori di Marco, intimandomi di pagarli al più presto”.

Truffa Vip: “Mi hanno colpito nell’amore per mio figlio”

La donna, in pieno controllo della situazione, precedentemente all’arrivo dei malintenzionati aveva provato a contattare sua figlia Marianna, ma il suo telefono risultava occupato. I truffatori prevedendo ogni mossa avevano provveduto a contattarla intrattenendola al telefono.

Poi, la donna racconta nello specifico l’incontro con i truffatori che si sono presentati alla sua porta dopo pochissimi minuti: “Ho aperto. C’era un ragazzo di colore. Ha parlato pochissimo. Mi ha chiesto i soldi. Li ha contati ad alta voce, parlando al telefono con un complice: 19 pezzi da 50, non so quanti da 20. Poi se n’è andato”.

“Mi sono sentita mortificata, presa in giro – conclude la Efrikian – Di colpo vecchia, inutile, rimbambita”. Quei soldi rubati, come afferma la stessa donna servivano per sostenere una missione in Africa, un impegno di volontariato che ormai da anni ha assunto. La più terribile, insomma, delle situazioni. Massima allerta, insomma, sempre e comunque.

Impostazioni privacy